Regionali, il Progetto Terra all’inceneritore: “È il momento dell’alternativa”

81

 

“BASTA ESSERE LA REGIONE DEI ROGHI TOSSICI E DEI VELENI, È IL MOMENTO DELL’ALTERNATIVA”

“Il 29 Agosto del 2004 decine di migliaia di persone dal centro di Acerra arrivarono al Pantano, ai cancelli dell’inceneritore.
Una battaglia durissima, grazie alla quale il piano per riempire la Campania di inceneritori non è andato avanti negli anni successivi, e, se la stessa logica dell’incenerimento ha dovuto parzialmente indietreggiare a favore della logica del riuso e del riciclaggio, ciò è dovuto anche alla determinazione di quelle mobilitazioni.
Pensiamo che sia arrivato il momento di costruire la rinascita di Acerra, di valorizzare l’agricoltura, il commercio e il patrimonio culturale del nostro territorio.”
È quanto dichiara la lista ambientalista TERRA candidata alle prossime elezioni regionali, in occasione della mobilitazione convocata oggi 29 agosto all’inceneritore di Acerra.

La candidata in “co-presidenza” della lista TERRA Stefania Fanelli dichiara: “Ricordando oggi quella mobilitazione del 2004 che vide tutti i comitati ambientalisti in piazza vogliamo dire basta alla Regione dei veleni e dell’incenerimento, crediamo che si debba puntare sul riutilizzo, sul riciclaggio e su un ciclo virtuoso della gestione dei rifiuti. TERRA in questo senso è la vera alternativa alle regionali del 20 e 21 settembre”, conclude Fanelli.

Print Friendly, PDF & Email