Salute della popolazione, il sindaco Dimitri Russo è il primo responsabile!

L’informazione è la prima prevenzione!

Fatte queste due doverose premesse …cosa dice la legge:

“il sindaco opera in qualità di “autorità sanitaria locale” attribuzione questa riconosciutagli dall’ art. 13, comma 2 della legge n. 833/1978, la Riforma sanitaria.”

Cosa è successo?

Tutto inizia da quest’estate: luglio del 2018, all’improvviso il mare diventava una cloaca, galleggiava di tutto. I bagnanti scappavano letteralmente, con la disperazione dei balneari che vedevano un’altra stagione bruciata dall’inquinamento dovuto ai Regi Lagni, dalla mancanza di una corretta depurazione, dagli scarichi abusivi e da un’amministrazione che supina, non agiva in danno all’unico responsabile: la Regione Campania.

Nella nostra redazione tanti cittadini, in particolare le mamme, venivano a chiedere un intervento e anche per sapere cosa stesse succedendo. Infatti, nella nostra redazione, c’è l’Ing. Angelo Morlando, il nostro esperto scientifico, che ha specifiche competenze in materia (Ing. idraulico, specializzato in Ingegneria Ambientale e Sanitaria) e si sentì moralmente impegnato ad intervenire. Di seguito tutta l’azione di monitoraggio e analisi che ha portato alla denuncia conclusiva inviata alla Procura di S.M. Capua Vetere.

La vana denuncia

Prima di arrivare a questa conclusione pubblicammo il primo filmato, sulla griglia dei Regi Lagni, dove era chiaro che ci fossero scarichi anonimi. Girai il filmato al sindaco Dimitri Russo, lo pregai d’intervenire con urgenza e, per precauzione, di emettere almeno un divieto di balneazione, accertato che i liquami erano così evidenti che non c’era nemmeno la necessità di fare analisi. Ma per una casualità, dovuta ai venti e alle correnti, i reflui andavano sempre verso sud, cioè verso Pinetamare, Licola e Pozzuoli…non a caso il sindaco di Pozzuoli emise immediatamente un divieto di balneazione.

Da noi forse non si ritenne necessario perché non toccava tutto il territorio? Forse le competenze del sindaco erano tali da non emettere nessun divieto e nemmeno fare delle veriche sul posto in qualità di massimo responsabile sanitario del territorio? E gli uffici competenti locali e provinciali?
Tutti in silenzio, nonostante che la Capitaneria di Porto avesse inviato in Procura (Napoli Nord) un dossier e avvertiva lo stesso sindaco del fatto che, sorvolando in elicottero i Regi Lagni, la situazione si presentava molto seria.

Esposto in Procura per la questione “Regi Lagni”

Questo è il video che dimostra chiaramente cosa scaricano i depuratori a mare ed in piena estate (Luglio), video realizzato attraverso un soppralluogo di tecnici .
Il nostro Sindaco Dimitri Russo, come è possibile ascoltare dalla registrazione allegata, afferma : “[…] è tutto ok, i depuratori funzionano e non c’è da preoccuparsi…è la normalità, di cosa ti meravigli? E non sono nemmeno daccordo col video messo in onda dall’Ing. Morlando, perchè spaventerà i turisti“. Alla fine non ritiene opportuno emettere un provvedimento di salvaguardia della salute pubblica e, a quanto risulta, nemmeno una verifica dei luoghi.
Mi rassicura che farà fare dei prelievi per verificare la situazione … e dopo qualche giorno mi invia questa foto.
informareonline-dimitri-russo
Il sindaco che personalmente fa il rilievo alla Foce dei Regi Lagni

L’inspiegabile negligenza di Dimitri Russo

Dopo l’invio di questa foto, che sembra più una provocazione che altro, ammetto di aver perso qualsiasi residua fiducia in questa persona; non riuscivo a comprendere se questo comportamento fosse da collegarsi ad un suo momento “particolare” oppure era tutto un calcolo puramente elettorale o, peggi, non volersi creare inimicizia con il suo riferimento alla Regione, il presidente De Luca, visto che sono dello stesso partito.
Qualsiasi sia stata la ragione, mi ha fatto scoprire una persona cinica e irresponsabile, di cui non è possibile avere nessuna fiducia e va smascherata la sua presunta e sbandierata “onestà intellettuale”… mentre è tutta una ” frittura di paranza”.

Continuare ad ascoltare le disquisizioni di questo Sindaco su come affronta la salvaguardia della salute dei cittadini è raccapricciante. Delusione e sorpresa trovarsi di fronte una persona diversa, che nemmeno immagini, e ciò fa tanta rabbia.

Ed ecco il perchè di  questa DENUNCIA pubblica: addirittura ha contestato l’operato (presunzione) di coloro che, come associazioni, si impegnano a dare il loro contributo nell’interesse sociale e che, anziché trovare la collaborazione di chi ha responsabilità, si ritrovano ad essere ostacolati e criticati.

Impossibile a questo punto immaginare un prosieguo con un simile personaggio. Già ci è capitato in passato con l’amministrazione di Antonio Scalzone, che ci escluse da ogni rapporto istituzionale perché scrivevamo contro di lui, ma almeno lo disse apertamente e ne prendemmo atto, con soddisfazione.

Mentre l’amministrazione Russo con finta amicizia ci è stata contro dal primo momento, perché quando abbiamo ritenuto opportuno abbiamo esposto il nostro dissenso apertamente, in particolare sui comportamenti personali spesso imbarazzanti di questo sindaco, dal quale la sua maggioranza non ha mai preso le distanze, assecondandolo e giustificandolo ed oggi servirebbe a poco sostituirlo con il “delfino” fedele.

Dispiace per lui, abituato con amici utili per tutte le stagioni.
NOI siamo un’altra cosa… e come dicevano i padri costituenti americani : la STAMPA “serve” gli amministrati, NON gli amministratori!

di Tommaso Morlando, Direttore responsabile del periodico Informare

Print Friendly, PDF & Email

1 commento

  1. non si può sentire ,come si fa a non tutelarel la salute dei cittadini,,questo è un criminale !!!!!!

Comments are closed.