informareonline-referendum-giustizia-4-quesito-sulla-valutazione-delloperato-dei-magistrati-spiegazione-e-come-si-vota

Referendum Giustizia, 4° quesito sulla valutazione dell’operato dei magistrati: spiegazione e come si vota

Giovanni Cosenza 11/06/2022
Updated 2022/06/11 at 11:00 AM
2 Minuti per la lettura

Partecipazione dei membri laici a tutte le deliberazioni del Consiglio direttivo della Corte di cassazione e dei Consigli giudiziari. Abrogazione di norme in materia di composizione del Consiglio direttivo della Corte di cassazione e dei Consigli giudiziari e delle competenze dei membri laici che ne fanno parte.  

Il quesito n. 4

Il quesito n. 4 è contenuto sulla scheda grigia. Pone questa domanda: «Volete voi che sia abrogato il decreto legislativo 27 gennaio 2006, n.25, recante «Istituzione del Consiglio direttivo della Corte di cassazione e nuova disciplina dei consigli giudiziari, a norma dell’art.1, comma 1, lettera c) della legge 25 luglio 2005, n.150», risultante dalle modificazioni e integrazioni successivamente apportate, limitatamente alle seguenti parti: art.8, comma 1, limitatamente alle parole “esclusivamente” e “relative all’esercizio delle competenze di cui all’art.7, comma 1, lettera a)”; art.16, comma 1, limitatamente alle parole: “esclusivamente” e “relative all’esercizio delle competenze di cui all’art.15, comma 1, lettere a), d) ed e)”?».

La spiegazione

I membri laici dei Consigli (avvocati, professori, ed altri) sono esclusi dal dibattito e dalla votazione sulle decisioni del Consiglio Superiore della Magistratura riguardo la competenza dei magistrati. In breve i giudici del Consiglio Superiore della Magistratura sono giudici di sé stessi. Non c’è un soggetto terzo atto a valutare il loro operato ed è a rischio l’imparzialità del Consiglio.

Come si vota

  • Chi vuole abrogare la legge deve votare SI: l’elettore vuole consentire che i magistrati possano essere valutati anche dai membri laici come avvocati e professori universitari.
  • Chi vuole mantenere in vigore la legge attuale deve votare NO: l’elettore vuole  continuare ad impedire che avvocati e docenti universitari possano valutare l’operato dei magistrati.

La scheda elettorale

La scheda elettorale per il quarto quesito
Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *