Reddito di Cittadinanza: protocollo Inps e Ministero della Giustizia contro i furbetti

36
informareonline reddito di cittadinanza inps protocollo ministero della giustizia
Pubblicità

A partire dal 1° giugno, il protocollo tra Inps e il Ministero della Giustizia è attivo per lo scambio delle informazioni utili alle verifiche relative alla concessione e alla revoca del beneficio. Infatti, attraverso la trasmissione da parte dell’ente al ministero della Giustizia dell’elenco aggiornato dei soggetti beneficiari, saranno effettuati controlli su tutti i percettori e i richiedenti.

Il protocollo

In una nota, l’Inps ha affermato che tali verifiche “consentiranno di disporre la revoca del reddito eventualmente percepito, oppure di non riconoscere il beneficio”. Ovviamente lo scambio di informazione tra l’ente previdenziale e il Ministero della Giustizia avverrà nel completo rispetto della privacy.
Il presidente dell’Inps, Pasquale Tridico, ha affermato che il protocollo “è frutto di un’intensa collaborazione tra le due istituzioni ed è un passo avanti verso maggiori controlli per l’erogazione del reddito di cittadinanza.

Pubblicità
Pubblicità