Raffaele Lauria, nuovo delegato WWF Italia per la Regione Campania

0
informareonline-Lauria

Il Consiglio Nazionale del WWF Italia nel normale avvicendamento ha nominato il nuovo Delegato per la Campania: il dott. Raffaele Lauria, 62 anni, chimico , socio ed attivista dell’Wwf dal 1983 . L’associazione del panda in Campania è presente su tutto il territorio regionale, con sedi gestite da volontari raggruppati in sei organizzazioni locali autonome e sette Oasi WWF.

“Dopo alcuni decenni di attività posso dire che le vittorie del WWF sono vittorie che hanno fatto bene a tutti, basti pensare ai parchi e alle riserve, alle Oasi, alla gestione più sostenibile dei rifiuti o alla riqualificazione dei corsi d’acqua, alla tutela della biodiversità. Meticoloso è stato il lavoro della Vigilanza Ambientale nel prevenire i Crimini di Natura; eccellenza delle Guardie WWF l’organizzazione del Campo Nazionale Antibracconaggio ad Ischia. Dove abbiamo perso, vedi il consumo del suolo dovuto ai troppi insediamenti estrattivi ed infrastrutture non sempre virtuose , oltre che al triste fenomeno della Terra dei Fuochi , a perderci è stata l’intera collettività. Per questo i nostri soci e i nostri attivisti sono motivati a fare parte del WWF e personalmente farò del mio meglio per rendere ancora più percepibile la connessione tra la loro attività locale e le grandi sfide a livello nazionale”, ha dichiarato Lauria.

In ambito WWF, Raffaele Lauria ha svolto varie attività, esclusivamente come volontario , nei settori dell’educazione ambientale, della valorizzazione di aree protette, nella organizzazione delle reti ecologiche di volontariato, crede nel lavoro di team e nella professionalità dei suoi componenti.

“Raccolgo una impegnativa eredità, costituita dall’enorme e qualificato lavoro che il delegato uscente Piernazario Antelmi ha svolto per l’Associazione e per tutta la Campania”.
Mi auguro di essere all’altezza dell’incarico che mi è stato affidato, in una Regione, caratterizzato da un territorio complesso ma con un grande patrimonio ambientale e ricco di biodiversità che deve essere tutelato e valorizzato”.

Di Redazione Informare

Print Friendly, PDF & Email