Quattro Giornate di Napoli: l’omaggio di Fico per la liberazione della città

38
informareonline-la-napoli-liberata
Pubblicità
Il Presidente della Camera, Roberto Fico, è intervenuto sulle quattro giornate di Napoli e la conseguente liberazione della città, avvenuta il 1 ottobre 1948. Ricorre tra poco l’anniversario di quella che fu la ritirata dei nazifascisti dalla città partenopea.

La Liberazione

Le quattro giornate di Napoli furono un episodio storico di insurrezione popolare avvenuto nel corso della seconda guerra mondiale, tra il 27 e il 30 settembre 1943. Nel corso dell’insurrezione i civili, con l’apporto di militari fedeli al Regno del Sud, riuscirono a liberare la città di Napoli dall’occupazione delle forze della Wehrmacht, aiutate da gruppi di fascisti locali. Napoli fu la prima, tra le grandi città europee, a insorgere, e con successo, contro l’occupazione tedesca.

La farsa degli Alleati

Gli Alleati, all’arrivo a Napoli, trovarono già quest’ultima liberata dall’occupazione tedesca. Molti vogliono negare la storia: ci raccontano che gli americani abbiano liberato Napoli e l’Italia intera dai fascisti, salvandoci. La realtà è ben diversa, e questa è verità storica, non un semplice parere personale: gli americani, con l’aiuto della mafia italo-americana, sono riusciti a sbarcare in Sicilia fingendosi i salvatori e risolutori della guerra. In realtà da parte loro vi è stata una conquista, avvalorata dal fatto che abbiano piazzato decine di basi NATO nel nostro Paese. Il nostro Paese si era già liberato dai nazifascisti, grazie alle insurrezioni imbastite dalla ‘’Resistenza’’.

L’omaggio di Fico

Roberto Fico è intervenuto su questo argomento, menzionando i fatti storici chiave della vicenda. Riporto qui di seguito alcune delle sue parole al riguardo:

Pubblicità

‘’Settantotto anni fa Napoli divenne per tutti gli italiani un esempio di riscatto contro la dittatura e di riconquista della libertà. Ridotta in macerie, prostrata a livello emotivo, lasciata sola a difendersi, con forze impari, contro il nemico, Napoli fu la prima, tra le grandi città europee, ad insorgere con successo contro l’occupazione nazista, costringendo il nemico alla ritirata. Ricordare questo evento significa comprendere l’alto prezzo della libertà ed il valore della nostra. Conquiste che dobbiamo ai cittadini napoletani, così come ai tanti eroi della Resistenza, che hanno dimostrato non soltanto un grande coraggio, ma soprattutto fierezza civica e tenacia nel non rassegnarsi mai’’.

Rinascerà la nostra Napoli?

Al di là della guerra, Napoli ha subìto periodi oscuri nel corso della storia, specie dopo l’unificazione d’Italia, o meglio, disunificazione a mio modesto parere. Napoli è stata praticamente distrutta da coloro che erano i mafiosi del Nord Italia: Cavour e i Savoia. Grandissima parte dei fondi della Banca centrale di Napoli furono trasferiti al Nord per sopperire agli immensi debiti di cui il settentrione disponeva. Questa è un’altra verità che faticano molto a comunicarci, per fini naturalmente politici ed etici.

Con le nuove elezioni amministrative, imminenti, speriamo tutti noi che la grande Napoli possa rifiorire non come un tempo, ma almeno in minima parte.

di Giovanni Terzi

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicità