“Pucciartista”: secondo appuntamento con “Non ti pago” di Eduardo De Filippo

I Guitti

Dopo il grande successo di venerdì 16 marzo, che ha celebrato il 150mo anniversario della Rotary Foundation, e di ieri sera, 17 marzo, la Rassegna Teatrale Pucciartista (promossa dall’associazione culturale I Guitti di San Nicola la Strada – CE) ritorna oggi, alle 17,45, presso il Teatro Città di Pace di Puccianiello (Caserta).

Non ti pago chiude il secondo appuntamento di Pucciartista, inaugurata con L’ultimo Scugnizzo di Raffaele Viviani, per la regia di Vincenzo Russo.

Scritta nel 1940 da Eduardo De Filippo, Non ti pago è una commedia divertente, piena di vitalità.

«Protagonisti sono i sogni, le vincite al lotto, le superstizioni e le credenze popolari di una umanità dolente e sfaccendata che, nonostante le paure e le angosce della vita quotidiana non rinuncia mai alla speranza ed all’attesa di quel colpo di fortuna che potrebbe garantire un futuro migliore».

afferma il regista, Giovanni Compagnone. “Tutto ciò, naturalmente, come spesso accade nelle Commedie di Eduardo, viene presentato con apparente e sottile leggerezza, che lascia intravedere un ritratto ironico e pungente della nostra società”. 

Ferdinando Quagliuolo, dopo la morte del padre, eredita la gestione del Bancolotto. È un accanito giocatore, molto sfortunato, a differenza del suo impiegato, Mario Bertolini, che, oltretutto, corteggia sua figlia Stella con la complicità della moglie Concetta.
Accade questo (e non solo): Mario Bertolini vince una quaterna avuta in sogno dal padre defunto di Ferdinando, con una cospicua vincita di 4.000.000 milioni di Lire.
Ferdinando, però, vuole rivendicare il diritto alla somma vinta, sostenendo che il defunto padre non era a conoscenza che la vecchia casa dove abitavano era stata data in fitto al Bertolini, e che per mero errore i numeri erano stati dettati al Bertolini credendo che in casa ci fosse ancora il figlio.

Si finisce per far ricorso addirittura alla legge. La situazione, però, si complica ed allora Ferdinando, preso da un’invidia accecante, restituisce il biglietto vincente al Bertolini, minacciandolo di severe maledizioni, che lo colpiscono seriamente. A questo punto scattano le paure, ma, essendo una commedia di Eduardo, anche tante risate.

di Teresa Lanna

About Teresa Lanna

Laureata in "Lingue e Letterature Straniere" nel 2004, nel 2010 ha conseguito la Laurea Magistrale in "Arte Teatro e Cinema" presso l'Università degli Studi di Napoli "L'Orientale". Tra le sue più grandi passioni, l'Arte, la Fotografia, il Cinema, la Letteratura, la Musica e la Poesia. Grande sostenitrice dell'Art.3 della Costituzione Italiana, è da sempre allergica ad ogni tipo di ingiustizia sociale. In vetta alla classifica delle città che ama di più ci sono Napoli e Firenze.