Protesta degli allevatori bufalini casertani: “Reazione straordinaria della comunità”

Redazione Informare 13/08/2022
Updated 2022/08/13 at 5:55 PM
2 Minuti per la lettura

Nella giornata di ieri la comunità casertana ha espresso la propria solidarietà nei confronti degli allevatori bufalini, i quali continuano a protestare per il piano di eradicazione della brucellosi e tubercolosi. L’ultimo gesto di protesta è avvenuto ieri, quando alcuni trattori hanno bloccato la Domitiana, dopo il tentato suicidio di un allevatore che ha subito l’abbattimento totale dei suoi capi bufalini.

La solidarietà della comunità

Gianni Fabbris, portavoce del Coordinamento degli Allevatori, ha affermato che gli allevatori bufalini casertani sono sorpresi “della grande solidarietà che i cittadini stanno rivolgendo alla nostra iniziativa in difesa del Patrimonio Bufalino”. Fabbris continua affermando che “il senso della nostra battaglia è di difendere il territorio, il cibo prodotto dai trasformatori artigiani e gli allevatori dall’aggressione della speculazione. Questo è il segno che nella coscienza del paese e della sua società fa sempre più strada la consapevolezza della posta in gioco”.

Il portavoce del Coordinamento degli Allevatori ha anche ringraziato “tutti gli esponenti politici e i partiti che si sono schierati a sostegno delle ragioni degli allevatori”. Nonostante ciò, “di fronte a tanta solidarietà dei cittadini e della politica, stupisce il silenzio di quelle forze che hanno governato finora in Regione Campania e il Ministero della Salute“. In particolare, “siamo in attesa della risposta del PD, di Italia Viva e dei Verdi, che esprimono in Campania esponenti politici che occupano le cariche di governo e istituzionali da cui ci attendiamo le risposte che tardano ad arrivare”.

Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *