Lo scorso mese si è tenuta la terza edizione del Premio GreenCare presso la Sala Salvatore D’Amato dell’Unione Industriali Napoli.

L’iniziativa si propone di riconoscere quanti s’impegnano nella cura, tutela e valorizzazione delle aree verdi negli spazi urbani dell’Area Metropolitana di Napoli. Abbiamo intervistato Benedetta de Falco, l’ideatrice del Premio e presidente dell’Associazione Premio GreenCare Ets.

Come nasce l’idea di istituire il Premio GreenCare?

«Un amico mi propose di creare una gara per premiare i giardini privati. L’idea mi entusiasmò molto ma volli estenderla in tutte le direzione possibili, dal pubblico al privato, soprattutto in favore dei quartieri più fragili, come anche alle istituzioni più importanti: tra queste il Real Bosco di Capodimonte. L’intento è quello di valorizzare chi si occupa con una speciale attenzione alle aree verdi, intorno alle quali si può costruire un forte senso civico partecipativo. Per quanto riguarda il Premio, sul sito premiogreencare.org i cittadini possono esprimere le candidature corredandole da foto e descrizioni dei meritevoli curatori del verde urbano. Le candidature vengono poi esaminate da una Giuria di esperti che decidono la rosa finale dei premiati. Tutto ciò è reso possibile grazie ad una rete virtuosa di sponsor che sostengono le nostre attività».

Chi sono stati i vincitori quest’anno?

«Per l’azione “verde pubblico”, il premio è andato ex aequo (2.500 euro ciascuno) al Parco Corto Maltese di Scampia, gestito dall’Associazione I Pollici Verdi, ed al Giardino del Liceo Brunelleschi di Afragola. Per la cura del verde privato il riconoscimento è andato al giardino di Villa Di Donato, che grazie all’impegno di Patrizia De Mennato, è aperto alla città con numerose iniziative. Il Parco Archeologico di Pompei ha ricevuto il premio come “arte contenporanea inserita in un giardino” per le recenti mostre di Mitoraj e Casciello. Per l’azione “Ente impegnato nel verde”, riconoscimento (mille euro) a Sii turista della tua città, gruppo di giovani volontari che si sta distinguendo in azioni di giardinaggio in molti quartieri di Napoli. Quest’anno per la prima volta sono state premiate le “Sentinelle GreenCare”, 26 insegnanti delle Scuole Primarie di Mugnano, Quarto, Acerra, Fuorigrotta, Quartieri Spagnoli, Scampia, Istituto Penale Minorile di Nisida: hanno sviluppato il tema green, lavorando con il libro “Dalla parte del vento” (Giovanni Calvino, L’Isola dei Ragazzi), stampato dall’Associazione Premio GreenCare e donato a duemila bambini. Infine, abbiamo premiato due Istituzioni che si sono distinte la scorsa estate nel contrasto all’emergenza ambientale, rappresentata dagli incendi sul Parco del Vesuvio: il Corpo Regionale della Campania dei Carabinieri Forestali ed il Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco di Napoli».

Che bilancio può fare di questi primi tre anni di impegno?

«I risultati sono decisamente positivi. In soli tre anni siamo riusciti a sostenere le persone impegnate nel verde erogando 17.500 euro di fondi, una somma interessante per il settore del green. Inoltre, registriamo un sempre maggiore impegno dei cittadini che si occupano, soprattutto nella forma di associazioni, di tante aree verdi. Ma c’è da fare ancora tanto. Da parte nostra portiamo avanti molte iniziative. Ad esempio, per il Maggio dei Monumenti 2018 abbiamo stampato in 45mila copie la Green Map of Naples, prima carta tascabile dei giardini e parchi cittadini, in italiano ed inglese, distribuita a cittadini e turisti. Inoltre, siamo stati i promotori assieme al Museo di Capodimonte ed all’Associazione Amici di Capodimonte onlus di una iniziativa di fundraising per dotare il Bosco di Capodimonte di un primo campetto di calcio in erba sintetica. Abbiamo raccolto circa 30mila euro. Una risposta che ci esalta e ci responsabilizza sempre di più. Accanto ai main sponsors dello spessore di Ferrarelle Spa e Russo di Casandrino Spa, registriamo l’ingresso a sostegno delle nostre attività di Grimaldi Spa, tra i gruppi imprenditoriali più importanti d’Italia. Questo metterà le ali alle nostre iniziative.».

Prossimi progetti in cantiere?

«Domenica 23 settembre 2018, insieme ai volontari dell’Associazione “Sii Turista della tua città”, abbiamo promosso ed organizzato una giornata dedicata alla pulizia della Villa Comunale di Napoli: il nostro meraviglioso parco storico tutto affacciato sul lungomare. L’invito è esteso a tutti coloro che vogliano rendersi utili. Le squadre saranno coordinate da esperti botanici. ll nostro scopo è quello di continuare ad impegnarci per sensibilizzare cittadini ed istituzioni  sul valore del verde negli spazi urbani. E’ il luogo d’elezione per esprimere una cittadinanza più attiva, praticare l’inclusione, affermare la legalità, moltiplicare il senso civico”.

di Fulvio Mele

Print Friendly, PDF & Email