pozzuoli 'U Penn(e)one a mare eventi

Pozzuoli: il 15 agosto ritorna la festa de “‘U Penn(e)one a mare”

Redazione Informare 09/08/2022
Updated 2022/08/09 at 11:19 AM
3 Minuti per la lettura

La sfida all’ultima bandierina ritorna con la sua annuale festa Patronale Lunedì 15 agosto 2022, ore 16:30, presso il Molo Caligoliano. Il Comune di Pozzuoli e la Pro Loco Pozzuoli, in collaborazione con il Comitato dei Pescatori di Pozzuoli e la Parrocchia Santa Maria delle Grazie, presentano “il Pennone a Mare – Palo di Sapone“, in dialetto puteolano ‘U Penn(e)one o ‘U Pal ‘i Sapo(u)ne, la manifestazione popolare associata alla celebrazione dell’Assunzione della Vergine Maria al cielo.

L’evento ufficiale

Lunedì 15 agosto 2022, ore 16:30, presso il Molo Caligoliano, il Comune di Pozzuoli e la Pro Loco Pozzuoli, in collaborazione con il Comitato dei Pescatori di Pozzuoli e la Parrocchia Santa Maria delle Grazie presenta il Pennone a Mare – Palo di Sapone.

Il Pennone a Mare – Palo di Sapone, in dialetto puteolano ‘U Penn(e)one o ‘U Pal ‘i Sapo (u)ne, è una festa popolare legata alla devozione dei pescatori puteolani per l’Assunta, protettrice della gente di mare. Lunedì 15 agosto, dalle ore 16:30, nella parte di porto prossima alla Darsena, detta ‘U Valjone, i pescatori puteolani gareggiano nella tradizionale sfida all’ultima bandierina.

Su di un palo in legno di 15 metri, cosparso di grasso animale, posto a 45° rispetto alla banchina e sospeso sul mare, sono posizionate 3 bandierine, corrispondenti ad altrettanti gradini del podio. Atleti di ogni età, devoti alla Stella Maris, gareggiano in una goliardica prova di coraggio ed equilibrio, esortati dal pubblico, che occupa la banchina e il mare antistante. Vince colui che, camminando sullo scivoloso palo, riesce a strappare una delle tre bandierine prima di cadere in mare.

Al termine della gara, i partecipanti si recano nella chiesetta dell’Assunta a Mare per la celebrazione religiosa e la processione per le vie del centro storico. Il Pennone a Mare – Palo di Sapone è da luglio 2020 iscritto nell’Inventario IPIC degli Elementi Culturali Immateriali Campani, secondo regolamento UNESCO del 2003. La manifestazione, di cui si parla per la prima volta in un articolo datato 1886, è l’unica festa popolare conservata a Pozzuoli, nonostante i grossi cambiamenti che hanno caratterizzato, dall’inizio del Novecento, il tessuto socio culturale.

di Fabio Bellomunno

Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.