Poesia “Nu bellu suonno”

Godetevi questa intensa poesia, tra sogno e realtà, scritta interamente in dialetto napoletano.

Nu bellu suonno

È succies’ overamente o era sul fantasia?

No, nun è over’
l’agg’ sunnato
comm’ a chill belli suonn’
ca quanno te scite nun te par overo
ca nient è vero.
E t’aiz cu ‘a ‘nsiria
Ce piens pur ‘nmiezz a jurnata
Te firm e te dice:
“Ma nun putesse essere vero chillu suonno?”
E pensanno pensanno
Passa ‘o tiemp’
fin a quanno nun te cucc’ n’ata vota
e nun sogni cchiù chillu bellu suonn’.
‘O juorno appriesso
peró ‘o stesso te scit’
cu chillu ingrippo.
“E che ven a dicere sta cosa?
No, a me me par troppo na cosa strana
M’arricordo troppi cose
Nun po’ esser sul fantasia”.

E vec’o mare, vec’e stelle,
Vec’a città pe sotto e pe ‘ngopp
E pur tutt’o cuntrario.
Sento ‘e risate,
Sapore d’ alleria,
Addore d’ ammore.

Vec a ess’, astritt astritt ‘o cor mj
Ca me cammina vicino
E m’abbracc’
E me vas’
Me dice certi cose
Accussì belle
Ca tu ind a sta bellezza
Te pierd’
Te squaglj
E te puo’ fa male.
Allora ‘o capisci ca nun è stato nu suonn’
Ma è succiess overamente.

Me spanteca ‘o core.

Guardate nu poc’o Pataterno
Certi vote comm te sfotte:
Te fa ‘nnammura e te fa sunnà a uocchj apierte.
E po’ nu juorn’ te scete,
Bell’e’buono
Proprio quando all’ammore ce cririve n’ata vota.
“Eeeh Ma mo basta,
Je nun ce cado cchiù
Nun guard cchiù nfacc a nisciuno
E nun soffro cchiù”.

Ma ‘o core nun se puó levà ‘ddo pietto.
Adda continuà a ridere e a chiagnere.
Nun ce ‘a pigliamm cu iss..
ca ce po ffa?!

‘A vita è vita si ‘o core batte.

di Fulvio Mele

About fulvio mele

Fulvio Mele: Ventenne Giornalista Pubblicista da Marzo 2016 e Vicedirettore di Informare da Giugno dello stesso anno.
Diplomatosi al Liceo Scientifico R. Caccioppoli di Napoli.
Laureando in Sociologia (scienze sociali) presso la Facoltà della Federico II.
Entra nell’associazione “Officina Volturno” nell’agosto 2013.
Esordisce come giornalista nel mensile di ottobre 2013, scrivendo una rubrica sui libri, “Leggi che ti passa”.

“Credo che per essere giornalista bisogna essere curioso e andare oltre le cose; credo che la notizia non si crea ma la si racconta entrandoci dentro, aprendola dall’interno; credo che un vero giornalista scrive di emozioni e di storie, soprattutto dà voce a chi voce non ne ha ; credo che essere giornalista sia uno stile di vita”