Guardo annanze. Annanze ‘a mme ‘stu mare gruosso
comm‘a ‘nu pensiero doce che te vene ‘e notte ‘nsuonno.
E ‘stu cielo. ‘Stu cielo azzurro azzurro
che t’abbraccia tutt‘e vote comme fosse ‘nu criaturo.
E l’addore. L’addore ‘e chistu posto.
L’addore ‘e libertà ‘e chesta terra nostra.
Chesta pace. Chesta pace che se sente.
Forte comm’a ‘nu rummore, ‘o rummore ‘e chistu viento.
‘O viento che dipinge ‘o volo ‘e chiste aucielle
che se posano ogni vota ngopp’a cimma do castiello.
‘O Vesuvio. ‘O Vesuvio quanto è bello
che difenne ‘sta città comme fosse Masaniello.
‘O calore. ‘O calore ‘e chesta gente
che te trase dint‘o core e rummane là pe’ sempe.
E pò ‘stu sole. ‘Stu sole forte forte.
Ogni juorno te saluta e t’aspetta for‘a porta.

Quanta varche che se vecono guardanno l’orizzonte.
Comme fosseno parole scritte dint’a ‘nu racconto.
Quanti nuvole che passano dint‘o gir‘e ‘na jurnata.
Mentre passano capisci comma tu si fortunato,
pecchè a Napule ogni cosa che se vede è assaje diversa.
Pure n’attimo che passa nunn’è maje n’attimo perso.
Quanti voce che se sentono pe’ dint’a chesti vie.
Ogni voce te dà ‘a mano e te tene cumpagnia.
‘A vote pare comme si ccà ‘o tiempo se fermasse,
miez‘a storia e ‘a tradizione che ‘stu popolo te lassa.
E nun servono parole pe’ capì chello che pruove.
Ogni sguardo ‘nnammurato fa ascì fora l’emozione.
N’emozione che nun passa, comma ‘o test ‘e ‘na canzone,
quanno vide stu paesaggio che a nisciuna parta truove.
Pecchè Napule è accussì, vive dint’a nu ricordo
e chi ven‘a primma vota è cuntento e aropp’ torna.