Pinetamare, torna il problema del randagismo

Da qualche giorno a Pinetamare in Castel Volturno, un nuovo disagio preoccupa i cittadini. Tre cani randagi, di taglia medio-grande, due bastardi e un pitbull abbandonato (deducibile dal collare che porta) hanno occupato le aiuole tra la Terza e la Quarta Torre Orientale, lungo Viale Delle Mimose.

I tre cani sono malandati e pericolosi tant’è che vari sono stati gli episodi di aggressione a persone. Ieri, ad esempio,  una ragazza, che abita a Torre 3, è stata rincorsa e fortunatamente è riuscita a rintanarsi in tempo nell’androne del palazzo. Chi possiede un cane, invece, è costretta ad evitare di passeggiare con loro in questa zona.

Il problema del randagismo è tornato al Villaggio Coppola dopo anni. Quella”banda” di cani (com’era chiamata da tutti) si posizionò per diverso tempo nella medesima zona e vari furono gli eventi spiacevoli. Non vogliamo che tutto ciò si ripeta.

Dietro l’aggressività dei randagi ci sta una profonda sofferenza e la nostra segnalazione vuole tutelare i cittadini e ridare serenità a questi poveri cani.

Intanto già ci siamo attivati per risolvere concretamente la questione

Ringraziamo pubblicamente l’assessore Rosalba Scafuro, a cui questa mattina abbiamo fatto presente la suddetta problematica. Ha dato disposizione al Comando Vigili Urbani di venire a fare un sopralluogo. Proprio in queste ore i vigili sono arrivati e ci hanno riferito che devono fare il rapporto.

Per fortuna hanno anche le foto e la situazione si dovrebbe sbloccare lunedì, 1 agosto, quando faranno intervenire il servizio veterinario, il quale provvederà a consegnarli al canile, dove verranno curati e custoditi, oltre che sterilizzati.

Vi informeremo presto su eventuali aggiornamenti.

di Fulvio Mele

Vi mostriamo alcune foto:

13874929_10208558418070941_2063297030_n

13866786_10208558417670931_1252761862_n

13874789_10208558417790934_1991812328_n

About fulvio mele

Fulvio Mele: Ventenne Giornalista Pubblicista da Marzo 2016 e Vicedirettore di Informare da Giugno dello stesso anno.
Diplomatosi al Liceo Scientifico R. Caccioppoli di Napoli.
Laureando in Sociologia (scienze sociali) presso la Facoltà della Federico II.
Entra nell’associazione “Officina Volturno” nell’agosto 2013.
Esordisce come giornalista nel mensile di ottobre 2013, scrivendo una rubrica sui libri, “Leggi che ti passa”.

“Credo che per essere giornalista bisogna essere curioso e andare oltre le cose; credo che la notizia non si crea ma la si racconta entrandoci dentro, aprendola dall’interno; credo che un vero giornalista scrive di emozioni e di storie, soprattutto dà voce a chi voce non ne ha ; credo che essere giornalista sia uno stile di vita”