Pineta Grande Hospital: in 36 rinviati a giudizio il 5 febbraio 2021

89
clinica pineta grande
Pubblicità

Corruzione, falso, indebita induzione, abuso d’ufficio e rivelazione di segreti d’ufficio. Sono queste le accuse contestate a vario titolo a 36 persone accusate dalla procura di Santa Maria Capua Vetere di aver permesso lavori abusivi per l’ampliamento della clinica privata Pineta Grande a Castelvolturno, nel Casertano.

Il 5 febbraio 2021 e’ stata fissata l’udienza preliminare nel corso della quale si deciderà del rinvio a giudizio di funzionari della Regione Campania, dell’Asl di Caserta e della Soprintendenza Archeologica, Belle Arti e Paesaggio di Caserta e Benevento, nonché dipendenti ed ex amministratori del Comune di Castel Volturno. Imputato principale è l’imprenditore della sanità regionale Vincenzo Schiavone, proprietario della clinica Pineta Grande di Castel Volturno, delle case di cura Padre Pio di Mondragone, Villa Bianca di Napoli, e Villa Ester di Avellino; con lui rischiano il processo il presidente di Aiop Campania, Sergio Crispino, e l’ex sindaco di Castel Volturno, Dimitri Russo.

Pubblicità
Print Friendly, PDF & Email
Pubblicità