informareonline-filosofia
Pubblicità

A Sant’Arpino nuovo appuntamento della rassegna filosofica-letteraria permanente “Persona e Logos”. Domenica 22 maggio, a partire dalle 10.30, nel suggestivo scenario del seicentesco Palazzo Ducale “Sanchez de Luna”, si terrà un incontro con Nino Daniele che parlerà del suo nuovo libro “La filosofia in soccorso dei cittadini” (Libreria Dante & Descartes edizioni). La rassegna è ideata e promossa dall’Associazione Culturale “Sophìa” con il patrocinio del Comune di Sant’Arpino.

Il programma dell’evento, coordinato dalla vice presidente dell’Associazione “Sophìa”, Enrica Romano, prevede i saluti del sindaco, Ernesto Di Mattia, dell’assessore alla Cultura, Giovanni Maisto, e del direttore di PulciNellaMente, Elpidio Iorio.

Pubblicità

Successivamente, dopo l’introduzione del presidente dell’Associazione “Sophìa”, Antonio Moccia, dialogheranno con l’autore Nino Daniele, il poeta Marco Palladino, e il filosofo e poeta Giuseppe Limone.

“La filosofia in soccorso dei cittadini” 

Un tributo alla memoria di Aldo Masullo: La filosofia in soccorso dei cittadini, non un libro sul suo pensiero filosofico, che non può che essere affidato agli studiosi e agli allievi. Io ho solo origliato alla porta del Maestro. Il mio colloquio con lui in decenni di solida amicizia, scaturisce in primo luogo da comuni battaglie politiche. È, prevalentemente, un rapporto politico con al centro l’amore per Napoli.
Definirei queste pagine scorci e momenti del rapporto tra il Professore e la Città. Una dimensione di vita che necessita di memoria perché è stato un fatto eccezionale nel costituire lo spirito pubblico della Napoli contemporanea.» La filosofia in soccorso dei cittadini ci sembra raccogliere il senso della presenza di Masullo dentro la Città e insieme con la Città nella contemporaneità nel solco della continuità e delle trasformazioni nei punti più alti del rapporto della filosofia con l’Europa moderna.

Nino Daniele

Gaetano Nino Daniele, Napoli, classe 1953, laureato in Filosofia all’Università Federico II, è stato Consigliere comunale di Napoli dal 1977 al 1993, Consigliere regionale della Campania dal 1995 al 2005 e vicepresidente della Giunta Regionale. Dal 2005 al 2010 è stato sindaco di Ercolano.
Ha ricoperto l’incarico di presidente regionale e di componente della Direzione Nazionale dell’ANCI | Associazione Nazionale Comuni Italiani.
Oltre a numerosi articoli su giornali e riviste, ha pubblicato una biografia su Filippo Turati (prefazione di Aldo Masullo); il volume Pensare la Campania in Europa, con prefazione di Biagio De Giovanni, e la raccolta di scritti Mezzogiorno in bilico. Nel 2005, ha curato con Fulvio Tessitore e Pasquale Villani il volume La Campania: territorio, genti e popolazioni. Con Tano Grasso e Antonio Di Florio ha pubblicato il libro La camorra e l’antiracket, vincitore del Premio Elsa Morante 2012 per l’impegno civile. Inoltre è presidente dell’associazione Amici di Marcel Proust, nonchè della Fondazione C.I.V.E.S..
Da Primo cittadino di Ercolano dal 2005 al 2010, ha favorito l’istituzione del MAV | Museo Archeologico Virtuale Past president dell’Associazione antiracket Ercolano per la legalità e dell’Osservatorio sulla camorra in Campania, attualmente presiede il Premio Amato Lamberti, dedicato ai giovani studiosi del fenomeno delle mafie.
Pubblicità