“Perduoname” poesia di A. Piscopo

Una toccante e commuovente poesia in dialetto napoletano, che racconta del dramma dell’aborto attraverso gli occhi e il cuore del padre.

Perduoname

Se ferm’ e chiagne stu core mi’
nemmeno si nato e gia te faccio suffrí.

Perduoname ma nun può nascere senza ammore,
perduoname si chillu juorn’ nun c’ammo mise ‘o core
Ma soprattutto perduoname si nun t’o faccio sbattere
perduoname si nun te faccio nascere
perduoname si nun te rong nu nomm’
perduoname si nun me sent ancor omm’.

E si pur nu figlio è ‘a cosa cchiù bell’
Se sape ca ‘a luna nun pò vivere senza ‘e stelle
E mo va, va ind’e mmane ‘e Ddio,
e dincell’ ca ‘o primmo a chiagnere so stat je
Dincell’ ca me perdona e ca pe’ me nun si stato mai n’errore,
pecchè ormai te porto appresso rind ‘o core.

E m’arraccumanno, si po’ m`annammoro e nu figl’ essa ave’
fatt’ cunoscere e vien addo me!

di Alessandro Piscopo

About fulvio mele

Fulvio Mele ventiduenne, giornalista pubblicista da marzo 2016 e vicedirettore di Informare. Diplomatosi al Liceo Scientifico "R. Caccioppoli" di Napoli. Laureando in Sociologia (scienze sociali) presso la Facoltà della Federico II di Napoli. "Credo che per essere giornalista bisogna essere curioso e andare oltre le cose; credo che la notizia non si crea ma la si racconta aprendola dall'interno; credo che un vero giornalista scrive di emozioni e di storie, soprattutto dà voce a chi voce non ne ha; credo che essere giornalista sia uno stile di vita"