informareonline-il-tumore-del-pancreas-resta-tra-le-malattie-più-pericolose

Perché il tumore del pancreas è tra le malattie più pericolose?

Giovanni Terzi 08/01/2023
Updated 2023/01/08 at 12:39 PM
5 Minuti per la lettura

Il tumore del pancreas ancora oggi resta tra le malattie più pericolose. L’età media alla diagnosi è di circa 55 anni. Alcuni tra i fattori di rischio più frequenti per il tumore del pancreas sono:

  • Fumo;
  • Obesità;
  • Etnia di colore.

Questa tipologia di tumore ha un’incidenza quasi doppia nella popolazione maschile. L’adenocarcinoma del pancreas è 2-3 volte più frequente nei fumatori rispetto ai non fumatori. I soggetti che hanno parenti affetti da questa patologia riscontrano un rischio maggiore. Il diabete di lunga durata può essere un fattore di rischio.

Alcuni dei sintomi comuni sono il dolore addominale, il calo ponderale e il vomito. Le tecniche diagnostiche sono la tomografia computerizzata o risonanza magnetica per immagini seguita da ecografia endoscopica. La chirurgia può essere curativa solo nel caso in cui ci sia assenza di metastasi.

Funzione del pancreas

Il pancreas è un organo situato nella parte superiore dell’addome. Produce i succhi gastrici che vengono secreti nel tubo digerente. Il pancreas produce l’insulina, la quale controlla la glicemia. Circa il 95% dei tumori cancerosi del pancreas è rappresentato dall’adenocarcinoma. Gli adenocarcinomi spesso hanno origine dalle cellule ghiandolari che rivestono il dotto pancreatico. La maggior parte degli adenocarcinomi è situata nella testa del pancreas, precisamente nel duodeno.

Statistiche in Italia e negli Stati Uniti

I numeri del carcinoma del pancreas in Italia sono in crescita: i nuovi casi in Italia sono passati da 12.500 nel 2015 a 14.300 nel 2020.

Negli Stati Uniti, invece, l’incidenza è di circa 57.600 persone colpite ogni anno e con circa 47.050 decessi.

Rari tipi di tumore del pancreas

  • Il cistoadenocarcinoma del pancreas è un raro tipo di cancro pancreatico che si sviluppa da un tumore non canceroso pieno di fluido definito cistoadenoma. Solo il 20% dei soggetti affetti da questo cancro presenta tumori che si sono diffusi al momento dell’intervento chirurgico. Se il cancro non si è diffuso e il pancreas viene totalmente asportato chirurgicamente, il soggetto ha il 65% delle probabilità di sopravvivere per almeno 5 anni.
  • Il tumore papillo-mucinoso intraduttale è un tipo raro di tumore pancreatico caratterizzato da ingrossamento del dotto pancreatico principale, iperproduzione di muco ed episodi ricorrenti di pancreatite. Questi tumori possono progredire a neoplasia maligna, dunque l’intervento chirurgico è la migliore opzione diagnostica e terapeutica per tutti i casi sospetti di questo tipo di tumore. Con l’intervento chirurgico, i pazienti affetti da tumori non cancerosi hanno una probabilità superiore al 95% di sopravvivere per 5 anni.

Dunque la migliore operazione medica è rappresentata dal trattamento chirurgico, tuttavia l’intervento è idoneo solo nei casi in cui il tumore non si è diffuso. Solitamente si somministrano anche chemioterapia e radioterapia.

Dirottamento di fondi

È triste pensare che una buona parte di fondi che dovrebbero essere destinati alla ricerca per la sanità e per la pubblica istruzione siano utilizzati per le spese militari. Si preferisce continuare ad armare l’Ucraina ad oltranza, inutilmente, piuttosto che incrementare ricerche sui tumori più pericolosi che si sviluppano nell’uomo. Purtroppo, per i potenti, persino la sanità rappresenta un business. Il Governo Meloni ne è il principale responsabile, attualmente. In questo modo, si sta giocando sulla pelle delle persone.

Studi, ricerca sul tumore al pancreas e vittime

Nonostante tutto c’è bisogno di ulteriori studi e ricerca per comprendere appieno le cause del tumore al pancreas.

Fortunatamente, da qualche anno si è iniziato ad utilizzare l’intelligenza artificiale per monitorare l’esito delle terapie, identificandole e permettendo di neutralizzarle mediante farmaci. Inoltre, è in corso la ricerca su un vaccino terapeutico che mira ad arrestare l’avanzamento del tumore.

Tra le vittime più note del tumore al pancreas vi sono stati Dino Buzzati, Pavarotti e Steve Jobs.

In ultima analisi, l’ultima vittima del tumore al pancreas in termini cronologici e stato l’ex calciatore ed allenatore Gianluca Vialli.

Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *