Molto spesso si ha timore di visitare la penisola araba poiché possiede una cultura così diversa dalla nostra. Tuttavia, siamo soliti dimenticare che viaggiare è scoprire e rimanere affascinati dagli stili di vita di altre popolazioni.

Da sempre la penisola araba affascina i viaggiatori grazie alla bellezza delle sue attrazioni e alla capacità di saper metterle in risalto. Le antiche moschee, i templi, i musei e i centri storici sono i luoghi che meritano almeno una visita di un paio d’ore.

Ma, in tempi moderni, i paesi arabi sono finiti sotto i riflettori della scena mondiale non solo per le loro attrazioni turistiche, bensì per dei conflitti che causano curiosità e preoccupazioni. Di fatti alcune mete sono considerate pericolose proprio per queste instabilità politiche, ma ce ne sono tante altre che non possono non essere viste! Eccone alcune:

Amman, la capitale della Giordania, in passato ha ospitato numerose civiltà, la prima delle quali risale al periodo del Neolitico. La città è costruita su ben 9 colli, i quali danno nome ai vari distretti. Inoltre, la Giordania vanta una tradizione gastronomica eccellente. Tra i suoi “must try” ci sono il Mansaf, fatto con riso costolette di agnello immerse in una salsa simile allo yogurt e i buonissimi dolci arabi.

Il Cairo, una delle città più grandi al mondo con oltre 14 milioni di abitanti, è stata fondata sul fiume Nilo. Il suo centro storico è dichiarato Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco grazie alla presenza di numerose moschee, tombe e fortificazioni risalenti all’Età Islamica.

Infine, uno dei luoghi più visitati al mondo è Dubai, capitale degli Emirati Arabi, dove lo sfarzo, la ricchezza e il lusso raggiungono livello molto elevati. Simbolo della città è senz’altro il Burj Khalifa, un grattacielo alto 829 metri.

Purtroppo, anche se ci venisse proposto di viaggiare gratuitamente verso una di queste mete, la nostra mente tenderebbe sempre a indugiare un po’ sull’accettare o meno questa offerta. Spesso riconduciamo un viaggio di svago in un paese arabo alla paura di potersi ritrovare in situazioni di pericolo. Tutto ciò però non dovrebbe bloccarci dal visitare nuove città, ampliare i nostri orizzonti e rimanere affascinati da culture che seppur diverse risultano poi affascinanti.

 

di Iolanda Caserta

Print Friendly, PDF & Email