Pandemia 2020: un instant book per fotografare la situazione

Il 9 aprile 2020 è uscito un libro prezioso: Pandemia 2020. La vita quotidiana in Italia con il Covid-19, a cura di Alessandra Guigoni e Renato Ferrari, edito da M&J Publishing House. 

Quello che stiamo vivendo è un periodo di profondo cambiamento. Dentro questa inedita e difficilissima situazione, a più di un mese dal primo decreto emergenziale di lockdown emesso dal Governo, antropologi culturali, sociologi, ricercatori delle scienze umane e biologiche, filosofi e linguisti, attraverso la pubblicazione di brevi saggi e interviste hanno deciso di mettere a disposizione le loro competenze e le loro conoscenze per cercare di capire che cosa sta accadendo e come affrontare il futuro. 

Pandemia è una parola e una paura che sembrava relegata al passato, ma all’inizio dell’anno è arrivato quello che alcuni studiosi chiamano “il cigno nero”: una crisi epidemiologica non solo medica e sanitaria, ma anche politica e culturale, inaspettata, improvvisa e dirompente. Questo instant book corale fotografa con intelligenza e spirito critico la situazione che si è generata a seguito della diffusione del Covid-19.  

L’opera conta 22 articoli scritti da esponenti del mondo scientifico e culturale e 12 interviste a personalità della cultura. Una molteplicità di interventi che uniscono tre generazioni di studiosi ai quali è stato chiesto di focalizzare la propria attenzione sulla dimensione socio-antropologica dell’epidemia. La risposta è stata un’analisi della situazione presente partendo da dati etnografici, storici e medici, finalizzata alla costruzione di un’antropologia dell’emergenza senza precipitare nella futurologia o nella politologia del complottismo. Il volume è scaricabile gratuitamente dal sito dell’editore M&J Publishing House all’indirizzo https://tinyurl.com/ybem5nku e dal sito http://www.etnografia.it/ della co-curatrice Alessandra Guigoni, e nei prossimi giorni sarà anche disponibile via Google Play e presso altri retailer internazionali.  

Tra i numerosi interventi, quelli del filosofo Luciano Floridi, dello scrittore e divulgatore scientifico Roberto Vacca, del semiologo Gianfranco Marrone, del linguista Massimo Arcangeli e del genetista Edoardo Boncinelli. 

di Grazia Martin

 

Print Friendly, PDF & Email