Pagelle ai look di Sanremo, prima serata

25
informareonline-sanremo
Pubblicità

Il 71° Festival della canzone italiana è iniziato ieri sera tra esibizioni, look ed intrattenimento a prova di Covid. Sul palco dell’Ariston si sono susseguiti volti, voci ma anche scelte di stile. Mettiamoli ai voti!

Come a scuola così anche a Sanremo è impossibile non procedere con delle valutazioni. Ecco le pagelle dei look di concorrenti, ospiti e co-conduttrici/ori. Partiamo con Fiorello ed il suo mantello fiorito, uno sprizzo di colore considerabile l’unico della serata. Tra le nuove proposte la diciannovenne Elena Faggi arriva sul palco con un abito argentato, maniche a sbuffo, colletto e nastro. Too much per una teen. Completo pastello con t-shirt bianca per Gaudiano, per Avincola giacca e pantaloni decisamente non eleganti ma nei toni aranciati e con tanto di cappello. La combo baffo e pallone lo porta sul podio della simpatia nonostante la squalifica. Ultimo ma non ultimo Folcast con completo satin color terracotta.

Passiamo ai concorrenti in gara, prima tra i big ad esibirsi è Arisa in smoking rosso fuoco Maison Margiela e tacco platform Giannico. Scelta strong ma vincente della stylist Rebecca Baglini. Segue il duetto di Colapesce e Dimartino, presenza di toni pastello anche qui ma in vibes fine anni 80 firmata D&G. Terzo concorrente sul palco Aiello con completo nero Margiela e tabi ai piedi. Altro duo altri look, Francesca Michielin in pantaloni neri e blusa gioiello Miu Miu. Nota a suo sfavore la vista del reggiseno. Ad accompagnarla un agitato Fedez in mise totally Versace con tanto di mistero. La camicia del rapper con le iniziali della sua famiglia sulla schiena svela l’iniziale della baby in arrivo.

Pubblicità

Pausa per la gara, canta Loredana Bertè che con gambe invidiabili sfoggia un abito mini e capelli turchini impreziositi da farfalle. Ma ecco che si riprende il festival con un Max Gazzè fin troppo Hogwarts styled, decisamente bocciato. Perfetta Noemi in uno splendido Dolce&Gabbana vintage, collezione 2007. L’abito sbrilluccicante trasudava il bello dell’epoca d’oro del duo di stilisti. Madame a soli 18 anni scende le scale dell’Ariston a piedi nudi e in un completo Dior con micro-specchi. Provoca e omaggia Michael Jackson con il monoguanto.

Achille Lauro invitato come ospite trascende l’anima del Glam Rock indossando una jumpsuit paillettata Gucci e una corolla in piume che gli circonda il capo. Conferma la sua capacità teatrale da mutaforme restando fedele al suo essere. Annalisa sceglie Blumarine che ricorda quasi del tutto l’abito Versace adottato da Elodie nella scorsa edizione ma passa ugualmente l’esame. Maneskin vestono quattro total look Etro in linea con lo spirito rock della band. Coppia nella vita e sul palco, Coma_Cose in red per portare l’amore all’Ariston. Fasma opta per un completo doppiopetto gessato mentre Ghemon si presenta in nuova veste. Nel 2019 sfoggiava look eccentrici, ieri invece è arrivato indossando pantaloni e giacca grigia a quadroni blu e camicia semi sbottonata arancione, canotta in vista e scarpe casual. Nell’insieme non rende ma anzi stona. Francesco Renga opta per una mise elegante, vestito nero che cade a pennello.

Maestra del bacio della serata è la giovane promessa del cinema Matilda De Angelis che per la prima kermesse ha sfoggiato 3 cambi Prada. Un forte richiamo allo stile hollywodiano con cui lei, in prima persona, si è interfacciata. Prima uscita in abito di raso color vinaccia con scollo a v profondo e gonna a sacco e lunghezza a sbieco fino al polpaccio. Il secondo abito si discosta dal primo per forma e materiali, sottoveste in chiffon impreziosita da cristalli. Terzo ed ultimo cambio di mise in versione pigiama style nel grigio con ricami floreali. Scelta giusta per il mood da fine serata. Tra gli altri ospiti un imponente Ibrahimovic con ricamo fin troppo egocentrico sulla giacca e una dolce Alessia Bonari, l’infermiera divenuta famosa per la foto che la ritrae con i segni della mascherina in volto. Simbolo della lotta contro il covid porta con pura eleganza un abito firmato Armani.

Il bollettino stile del festival termina qui, non resta che attendere la seconda serata per nuovi look da guardare e soprattutto da commentare.

di Chiara Del Prete

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicità