Operazione antibracconaggio, due i bracconieri denunciati

Operazione antibracconaggio delle Guardie Giurate Volontarie del WWF a Pignataro, Provincia di Caserta

Due i Bracconieri denunciati ai Carabinieri Forestale, sequestrate armi, munizioni e diversi richiami elettroacustici vietati

A partire dalle ore 4:00 della mattina di domenica 29 dicembre 2019, le Guardie Giurate Volontarie Venatorie e Zoofile del WWF della Provincia di Caserta, svolgendo attività di vigilanza per il controllo dei fenomeni di bracconaggio e dei reati ai danni dell’ambiente, si sono recati nel territorio di “Torre lupara“ (del comune di Pignataro Maggiore), dove ci sono alcune “vasche” (laghetti prevalentemente artificiali dove i bracconieri attirano anatre selvatiche con richiami elettroacustici vietati e sagome e/o richiami vivi per poi abbatterne in grandi quantità. C’è da evidenziare che esiste un notevole giro economico, spesso illegale, attorno a queste vasche perché i proprietari del terreno dove è stato formato il laghetto subaffittano a diversi bracconieri l’area che spesso è provvista anche di postini, ossia piccoli bunker in cemento armato da dove i bracconieri possono comodamente sparare seduti in poltrona. Fortunatamente moltissimi di questi manufatti abusivi sono stati sequestrati. Però adesso i bracconieri realizzano delle strutture temporanee con legno e canne adiacenti la vecchia struttura sequestrata).
Sul territorio di caccia, in diversi luoghi echeggiano sempre i famigerati richiami elettroacustici (detti comunemente “FONOFIL”). Tale metodo di caccia, illegale e deplorevole, viene praticato per compiere vere e proprie stragi di animali selvatici o per cattura con reti, che sono severamente vietati dalla Legge 157/92 e dalle leggi regionali in materia.
Dopo diverse indagini e pattugliamenti il gruppo di Guardie Giurate del WWF, alle ore 6:00 circa del 29 dicembre 2019, hanno sorpreso e denunciato 2 bracconieri intenti a cacciare in maniera illegale su una vasca con l’utilizzo di ben 2 richiami elettroacustici vietati.
A tal punto le Guardie WWF hanno chiesto l’intervento dei Carabinieri e Carabinieri Forestale, per far compiere i necessari atti di Polizia Giudiziaria. Quindi si è proceduto al sequestro di due fucili, diverse cartucce e due richiami elettroacustici vietati. I bracconieri sono stati denunciati all’Autorita’ Giudiziaria.
Le Guardie Giurate del WWF, assieme alle Forze dell’Ordine, in particolare con i Carabinieri Forestale, nei prossimi giorni, effettueranno ulteriori controlli per fermare l’odioso fenomeno del Bracconaggio.

Print Friendly, PDF & Email