informareonline-mtv-ema

Nuovo successo dei Maneskin agli Mtv Ema

Nicola Iannotta 15/11/2021
Updated 2021/11/15 at 12:24 PM
3 Minuti per la lettura

Giovani sfacciati ardenti di gloria, i Maneskin conquistano un nuovo premio agli Mtv Ema come “miglior rock band”

Lontani dalle critiche dei loro detrattori ma galvanizzati dalle urla dei loro fan, il gruppo rock formato da Damiano, Victoria, Thomas ed Ethan conquista alla Papp Laszlo Budapest Sports Arena un premio storico per la cultura musicale della nostra penisola. Infatti, mai nessun artista italiano era riuscito a trionfare in questa categoria alla prestigiosa manifestazione internazionale degli Ema (ma in realtà, nessuno era mai riuscito neanche a conquistare la nomitation per accedervi).

Indice
Giovani sfacciati ardenti di gloria, i Maneskin conquistano un nuovo premio agli Mtv Ema come “miglior rock band”Vittoria tutt’altro che scontata visti i nomi delle altre band concorrenti: Coldplay, Foo Fighters, Imagine Dragons, Kings Of Leon e The Killers.Quattro giovani ventenni che amano fare musica (e bisogna ammettere che ci riescono davvero bene visti i numerosi riconoscimenti già ottenuti), e che, caparbi, lottano per cercare di svecchiare, tramite la loro arte, una cultura nazionale ormai troppo vetusta e conservatrice.Si sono presentati sul palco con vestiti sgargianti, dal colore nero e dagli sbrilluccichii d’oro e d’argento. Il frontman Damiano indossava slip di pelle con stivali, reggicalze e guanti. Basterebbe soffermarsi al vestiario per cogliere quanto importante sia per loro diffondere un messaggio di libertà d’espressione e di sostegno alla dignità di ogni modo d’essere.Un messaggio che i Maneskin hanno voluto sottolineare durante la cerimonia per il conferimento del premio: “Quest’anno, in particolare, bisogna andar fieri del nostro paese per i risultati raggiunti non solo da noi, ma da tanti sportivi e da personalità della cultura”, dicono, “peccato per i diritti civili, dove continuiamo a rimanere indietro e invece per noi sarebbe stata la vittoria più importante”.Parole importanti quelle pronunciate sul palco della Budapest Sports Arena, se consideriamo che l’evento Mtv Ema si è svolto in un paese come l’Ungheria che si trova nel mirino della comunità internazionale per il mancato rispetto dei diritti della comunità LGBTQ+. La loro esibizione si è poi conclusa esplodendo nelle note infuocanti di MAMMAMIA.di Nicola Iannotta
Vittoria tutt’altro che scontata visti i nomi delle altre band concorrenti: Coldplay, Foo Fighters, Imagine Dragons, Kings Of Leon e The Killers.
Quattro giovani ventenni che amano fare musica (e bisogna ammettere che ci riescono davvero bene visti i numerosi riconoscimenti già ottenuti), e che, caparbi, lottano per cercare di svecchiare, tramite la loro arte, una cultura nazionale ormai troppo vetusta e conservatrice.
Si sono presentati sul palco con vestiti sgargianti, dal colore nero e dagli sbrilluccichii d’oro e d’argento. Il frontman Damiano indossava slip di pelle con stivali, reggicalze e guanti. Basterebbe soffermarsi al vestiario per cogliere quanto importante sia per loro diffondere un messaggio di libertà d’espressione e di sostegno alla dignità di ogni modo d’essere.
Un messaggio che i Maneskin hanno voluto sottolineare durante la cerimonia per il conferimento del premio: “Quest’anno, in particolare, bisogna andar fieri del nostro paese per i risultati raggiunti non solo da noi, ma da tanti sportivi e da personalità della cultura”, dicono, “peccato per i diritti civili, dove continuiamo a rimanere indietro e invece per noi sarebbe stata la vittoria più importante”.
Parole importanti quelle pronunciate sul palco della Budapest Sports Arena, se consideriamo che l’evento Mtv Ema si è svolto in un paese come l’Ungheria che si trova nel mirino della comunità internazionale per il mancato rispetto dei diritti della comunità LGBTQ+. La loro esibizione si è poi conclusa esplodendo nelle note infuocanti di MAMMAMIA.
di Nicola Iannotta

Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *