Nuoto di fondo: festa spagnola alla seconda prova Open della Capri-Napoli

45
capri napoli nuoto fondo
Pubblicità

Festa spagnola alla seconda prova Open della Capri-Napoli, quella andata in scena venerdì primo luglio, con partenza da Le Ondine Beach Club e arrivo nelle acque antistanti il Circolo Posillipo.

Due nuotatori iberici, infatti, si sono piazzati ai primi due posti nella prova “Solo”, facendo segnare entrambi riscontri cronometri di rilievo, completando i 36 chilometri che separano l’isola azzurra dalla costa partenopea in meno di otto ore. Ad aggiudicarsi la gara Jordi Sanchis, che ha fermato il cronometro sulle 7 ore 45’ e 25”. Il 49enne nuotatore iberico ha preceduto il connazionale Mikel Arteaga, 41 anni, arrivato una decina di minuti dopo (7.54.25). A completare il podio l’ungherese Attila Manyoki, in 10.19.59; costretto al ritiro invece il francese Francois Chagnaud. La buona prestazione degli spagnoli è stata aiutata anche dalle favorevoli condizioni meteomarine: il mare, infatti, specie nella prima parte, era increspato, favorendo la nuotata degli atleti diretti a Napoli.

Pubblicità

Condizioni di cui hanno beneficiato anche gli atleti del Circolo Nautico Posillipo, la cui staffetta (composta da Marco Cicatiello, Roberto Conte, Luca Schiattarella, Paolo Montaldo, Antonio Papa, Stefano Papa) si è aggiudicata la prova a squadre chiudendo la traversata sotto le sette ore: 6.47.57 il tempo finale, davanti a Top Magma (Mario Caso, Carmine Di Marzo, Aniello Gentile, Sergio Minutolo, Giuseppe Palumbo e Valerio Versano) che hanno chiuso in 7.01.50; Campania Sport (Luca Bergamasco, Giovanni Guerriero, Michelangelo Manzo, Felice Marino, Alessandro Pane e Giuseppe Vitagliano) in 8.13.25; Guiascardos (Marcelo Guiscardo, Sebastien Guiscardo, Janet Guiscardo, Jeanette Guiscardo-White, Liliana Kellett e Natalie Guiascardo) in 8.29.30. Proprio la formazione composta da atleti-parenti provenienti da Argentina, Australia e Stati Uniti ha animato la giornata, con la famiglia al completo (una trentina di persone) che si è radunata a Napoli per festeggiare i 70 anni di Marcelo Guiscardo. Particolare è stata la festa finale improvvisata al Circolo Posillipo, con argentini e napoletani che insieme hanno cantato, celebrando anche un particolare e molto apprezzato gemellaggio del ricordo di Diego Armando Maradona.

A completare il quadro la vittoria della prova di Doppio della Sorrento Infinity (Danilo Di Capua e Giuseppe Russo) che con il tempo di 8.08.50 ha preceduto Balena & Coccodrillo dei francesi Bernard-Pierre Assegninou ed Emmanuel Hiriat (tempo finale per loro 9.31.25).

Pubblicità