Giunto alla quinta edizione, il San Gennaro Day è un premio che riconosce i nomi dell’imprenditoria, della musica, della cultura e della meridionalità. Una vera e propria festa laica accanto alle celebrazioni religiose in onore del santo patrono, una kermesse che vede avvicendarsi ospiti che, ogni giorno, rappresentano la parte positiva e produttiva della città di Napoli. L’evento è stato organizzato da Gianni Simioli, che si è detto soddisfatto della serata: «è un’emozione mettere sul palco tanti volti di questa città, tutte le Napoli che conosciamo. Un po’ troppe ma Napoli è cosi».

Special guests dell’evento, oltre i tanti artisti premiati durante la serata, Alessandro Siani (leggi l’intervista esclusiva che ci ha rilasciato) e Fiorella Mannoia, che ha espresso parole d’amore per la città di Napoli e un pensiero speciale per Pino Daniele: «il rapporto d’amore con Napoli è reciproco. Il ricordo più bello di Pino Daniele? Rimane Pino». 

Tra i premiati, anche lo scrittore Maurizio De Giovanni che, con grande retorica, afferma: «il vero miracolo dei napoletani è la conquista della consapevolezza di essere altro che una specie di inferno. Siamo qualcosa di meglio. È bellissimo che una città si ritrovi attorno ai suoi simboli come San Gennaro. È un simbolo del nostro passato e quindi del nostro futuro. Qualsiasi argomento riesca a coagulare attorno ad una grande dimensione o una grande forza credo sia il benvenuto».

Maurizio De Giovanni, San Gennaro Day
Maurizio De Giovanni, San Gennaro Day

di Fabio Corsaro

Foto di Gabriele Arenare