Napoli Tunisia: Mediterraneamente

72

Napoli Tunisia Mediterraneamente è l’evento tenutosi a Villa Domi dove si è parlato di opportunità, sanità, turismo, imprenditoria, unione e rispetto reciproco tra i popoli del Mediterraneo.

Un evento a cura del Consolato della Repubblica della Tunisia nella persona di Beya Ben Abdelbaki Fraoua, Console per l’area dell’Italia meridionale, ha avuto come obiettivo quello di promuovere gli scambi culturali, commerciali e turistici.

Occasioni come questa servono anche simbolicamente a ricordare che il nostro è un mare che accoglie e unisce.

« Questa serata nasce per avvicinare di più la Tunisia a Napoli, per dare una immagine vera della Tunisia e non quella che viene dai media, stampa e tv. Ho fortemente voluto avvicinare la mia terra a Napoli» ha dichiarato la console Beya Ben Abdelbaki Fraoua.

Soddisfattissimi gli organizzatori, l’editore napoletano Gino Giammarino, che si sono dimostrati perfetti padroni di casa per gli oltre 1200 ospiti arrivati nella splendida location di Villa Domi, messa a disposizione dal vero padrone di casa, l’imprenditore Domenico Contessa, con grandissimo spirito di collaborazione ed amicizia vera.

informareonline-napoli-tunisia
M’barka Ben Taleb con Massimo Rizzo

Madrina, motore e co-organizzatrice dell’evento è stata la cantante ed artista tunisina M’Barka Ben Taleb, che ha trascinato il pubblico nel più puro divertimento con alcuni brani del suo repertorio in collaborazione con il direttore d’Orchestra napoletano Carlo Morelli ed il Coro Città di Napoli. Molto apprezzata l’esibizione del corpo di ballo orientale Manaar Ensemble.

Tanti i personaggi dello spettacolo e della società civile intervenuti, dal primo cittadino di Napoli, Luigi De Magistris, al cantautore Enzo Gragnaniello, dall’imprenditore turistico Vincenzo Zottola alle più alte cariche delle Forze Armate. Condotta dall’affascinante Sonia Ben Salah e dal già citato Adel Karoui, entrambi italo-tunisini, la serata si è snodata attraverso una cena a base di specialità gastronomiche della Tunisia e della Campania. In tavola, piatti creati appositamente dalla chef tunisina Magda Boussama, da quelli del Sannio (Airola) Domenico Falzarano e Alessandro Tirino, e dal napoletano Vincenzo Giammarino, accompagnati dai vini di eccellenza campani e tunisini.

Tratto da Il Brigante

Print Friendly, PDF & Email