informareonline-il-comune-di-napoli-punta-sulle-auto-green

Napoli punta sulle auto green: l’ecosostenibilità del nuovo progetto

Giovanni Terzi 06/02/2022
Updated 2022/02/06 at 4:26 PM
2 Minuti per la lettura

Il Comune di Napoli punta sulla crescita delle auto green in città. Nel 2022 le auto elettriche e quelle ibride saranno in grado di circolare nelle zone a traffico limitato del capoluogo campano. Questo è il contenuto della delibera approvata, su proposta dell’assessore alla mobilità Edoardo Cosenza, nel corso dell’ultima riunione della Giunta comunale.

Il nuovo progetto

In base ad un accordo con Anm, le auto elettriche potranno parcheggiare liberamente nelle strisce blu e le auto ibride godranno di un’ampia facilitazione economica. Tutti dovranno seguire una semplice procedura di localizzazione.

“Puntiamo ad una forte crescita delle auto green, dopo avere avviato la procedura per avere 360 nuovi punti di ricarica (180 colonnine) distribuite sull’intero territorio comunale, che si aggiungeranno a quelli nei parcheggi che passeranno da 50 punti (25 colonnine) a 240 punti (120 colonnine). Napoli deve riconquistare punti fra le città ecosostenibili ed anche questa decisione della Giunta va in questa direzione”, dichiara l’assessore Cosenza.

Ecosostenibilità

L’attenzione rivolta allo sviluppo delle auto elettriche potrà sancire la svolta in ambito green. C’è sempre più bisogno di porre attenzione all’ecosostenibilità, a causa del forte inquinamento che investe tutto il pianeta. La città partenopea si sta muovendo nella giusta direzione a riguardo, ma serviranno inevitabilmente molto tempo e svariati investimenti. La sostenibilità è una vera e propria cultura, la quale dovrà essere un tema centrale nel nostro paese per i prossimi anni. Solo così sarà possibile fronteggiare i problemi derivanti dalle enormi quantità di gas nocivi emessi da tutti i macchinari a combustibile fossile.

Proprio nei giorni scorsi l’ente di Palazzo San Giacomo ha pubblicato un avviso per l’individuazione di un operatore interessato all’installazione su suolo pubblico e alla gestione di 60 infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici. Gli operatori economici potranno presentare le proprie manifestazioni di interesse entro il 2 marzo prossimo.

Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *