Napoli, Pd alla ricerca di uno spirito ambientalista

0
Informareonline-Pd Napoli

Si sono appena conclusi gli stati generali della una due giorni all’insegna delle promesse e di un presunto nuovo spirito ambientalista.

Una sorta di sagra dell’ipocrisia

Il partito democratico è il partito delle speculazioni sui rifiuti, delle inchieste, degli impianti inquinanti e impattanti sulla salute, il partito che ha negato ed è rimasto inerme di fronte alla tragedia della terra dei fuochi.

Questa lavata di faccia verde all’insegna di proclami sulla transizione ecologica è ridicola e inaccettabile.

Lo è a maggior ragione perché mentre si tingono di #green si fanno promotori e sostenitori di un modello energetico ancora basato sul fossile.
Per quel che ci risulta parliamo del partito ancora fortemente a favore delle trivellazioni o per citare alcuni esempi campani favorevole alla costruzione della centrale a turbogas di Presenzano o al deposito di gas del porto di #Napoli.
Il segretario del Pd parla di un assessorato alla transizione ecologica nella prossima giunta comunale.

È giusto anzi urgentissimo che le città comincino seriamente a porsi questo tema, ma non per fare operazioni di facciata che in questa regione sono un’offesa alle vittime di un disastro ambientale mai riconosciuto e di una politica troppo spesso connivente con gli affari criminali.

Basta osservare le loro azioni, le politiche della Regione Campania e le offese e le minacce che il presidente De Luca ha sempre rivolto agli attivisti dei comitati della terra dei fuochi, invece di ascoltare le favole che oggi raccontano durante questi fantomatici stati generali.

La loro transizione è “verde” come il colore del denaro.

Non dimentichiamo. Non abbiamo più tempo. Non c’è più scelta.

da Stop Biocidio

Print Friendly, PDF & Email