Napoli, The Gallery ospita la mostra fotografica del film “Vinilici”

Mostra fotografica del film "Vinilici"

Un progetto molto interessante che parte da Napoli, originaria capitale della musica e del disco in Italia, “Vinilici – perché il vinile ama la musica”: il primo film totalmente in italiano dedicato al vinile, il quale nonostante l’evoluzione tecnologica, trascina con sé tanti appassionati che ancora oggi sono legati a questo meraviglioso supporto.

Il progetto è stato presentato giovedì 1 febbraio 2018, alle ore 19:00, nello spazio The Gallery Studio, in occasione di una mostra fotografica delle foto di scena di Davide Visca organizzata dal Dipartimento di fotografia dell’ILAS – Istituto Superiore di Comunicazione Visiva.

Mostra fotografica del film "Vinilici"
Mostra fotografica del film “Vinilici”

Durante la mostra sono stati proiettati – a cura di Napoli Film Industry – una serie di frame del docufilm in corso di realizzazione. Sono stati presenti alla mostra gli autori del film: Nicola Iuppariello – già curatore del volume “Vinilici. La passione per il disco” e di DiscoDays, la fiera del disco e della musica a Napoli – Vincenzo Russo, organizzatore di eventi musicali e del DiscoDays.

Mostra fotografica del film "Vinilici"

«Non c’è macchina del tempo più bella di un disco in vinile ed il docufilm intende indagare se questo è uno dei motivi del ritrovato interesse. I dischi in vinile, infatti, non sono più acquistati solo dai collezionisti ma anche da una nuova e più ampia schiera di appassionati di diverse età. Si tratta di un nostalgico ritorno al passato o di un’opportunità per il futuro?» spiega il regista Fulvio Iannucci. Attraverso le testimonianze di musicisti, autori, collezionisti, audiofili, venditori, sociologi, appassionati, Vinilici sarà la storia di un’icona, il disco: dalla registrazione alla stampa, dalla distribuzione all’acquisto, dall’ascolto alla sua conservazione.

Davide Visca, classe 1964, fotografo professionista dal 1996, ha come background un passato da musicista. Per diversi anni si è occupato di fotografia commerciale e di architettura, per poi approdare al ritratto. Dal 2008 si occupa quasi esclusivamente di fotografia di eventi live e teatro, ritratto e book per artisti.

di Carmine Colurcio