Finisce 3 -1 per i rossoneri, Napoli – Milan porta la terza sconfitta stagionale al San Paolo per gli azzurri di Gattuso

Triste ripresa di campionato per il Napoli, allo stadio San Paolo finisce 3 -1 per il Milan. In un campionato strano senza pubblico e con una partita ogni tre giorni, i rossoneri si affermano e confermano il primo posto in classifica. Il rientro dagli impegni con la Nazionali ha restituito al Mister Gattuso una squadra stanca e confusa. Prestazioni dei singoli opache e certamente prive di quei colpi di genio e bravura che li hanno contraddistinti durante i match di Nations League.

Combatte il Napoli, fallisce un paio di occasioni clamorose anche per merito di un portiere indiscutibile come Donnarumma. Ma il regista di questa partita è Ibrahimovic: la indirizza e la decide lui, un ragazzino di 39 anni che ha preso per mano la squadra lombarda e la sta portando in alto.

Le pagelle:

Meret (5,5): La responsabilità dei goal va divisa con la difesa. Ma il giovane portiere non esce e si fa trovare impreparato ogni volta. Con i piedi rischia un paio di scivoloni clamorosi.

Di Lorenzo (5,5): Tanti gli errori soprattutto sull’ultimo passaggio, diligente sulla fascia ma non aiuta a finalizzare.

Manolas (6): Sufficiente la sua prestazione in una giornata in cui la difesa sbaglia veramente tanto, cliente difficile il suo: ha fatto comunque sentire la sua presenza e contenuto le offensive rossonere.

Koulibaly (5): Era uno scontro tra titani, sicuramente vinto dall’attaccante rossonero. Lo ha perso due volte e sono arrivati due gol.

Mario Rui (6,5): Corre e si affanna dietro ogni pallone, serve un assist per Mertens e si spende sia in fase offensiva che difensiva. Anche lui è stato mandato in confusione da Ibra.

Fabian (5,5): Quando lo vediamo giocare con la sua Nazionale ce lo immaginiamo in campo con la nostra maglia. Ma ultimamente resta tanta delusione dopo le sue prestazioni. Impreciso e confusionario, stasera anche i suoi compagni hanno evitato di passargli la palla dopo più di un errore. Lo hanno eletto miglior giocatore europeo under 21, ma ancora non lo abbiamo visto in campo. dal 90 – Elmas (sv)

Bakayoko (5): Ammonito ingiustamente la prima volta, troppo incauto sugli interventi successivi. Lascia la squadra in 10 uomini nel momento peggiore, ha perso la testa quando occorreva lucidità.

Lozano (5,5): impreciso nella tre quarti avversaria il talento messicano non riesce a trovare lucidità sotto porta. Dal 56 – Zielinski (6,5): entra e nonostante l’inferiorità numerica corre e costruisce veramente tanto.

Politano (7,5): Migliore in campo, velocità e fantasia è tra il migliore del Napoli e anche l’unico che riesce a rendersi veramente il più pericoloso. dal 69 – Petagna (sv)

Insigne (6,5): Dopo la splendida prestazione con la Nazionale ci aspettavamo di più ma l’impegno del capitano è stato unico.

Mertens (6,5): Gara opaca del folletto belga, completamente ingabbiato tra le file rossonere non è riuscito a muoversi con la solita scioltezza. Ha trovato la rete azzurra proprio mentre stava per essere sostituito.

All. Rino Gattuso (5,5): Manca ancora qualcosa, questo Napoli va in confusione troppo facilmente. Non si sono abbattuti neanche dopo il secondo gol di Ibra, hanno combattuto fino alla fine. Ma sono preoccupanti gli alti e bassi di questa squadra.

 

 

Print Friendly, PDF & Email