Napoli, “Bambola di stracci” di Pasquale Ferro debutta al Teatro Tram

Trame a Tram

Sabato 20 gennaio 2018, alle ore 18:30, la rassegna Trame del Teatro Tram, in Via Port’Alba, a Napoli, presenterà il nuovo romanzo di Pasquale FerroBambola di stracci (edizioni ilmondodisuk).

«Cerco sempre di filtrare la realtà attraverso la fantasia. Barbara, bambola di stracci, l’ho conosciuta quarant’anni fa al Teatro San Carlo, durante la prima di Tosca con Placido Domingo. Adesso è divenuta la protagonista carnale nel romanzo appena pubblicato, che è anche una denuncia del falso perbenismo largamente diffuso. L’obiettivo è dare visibilità alle donne transessuali. E sono davvero soddisfatto perché questo romanzo, così come un altro scritto in passato (Racconti di un cane camorrista) sarà tradotto in russo e approderà in terra fredda. Ad oggi credo di essere uno dei pochi autori ad aver trattato in quel Paese tematiche legate all’omosessualità».

Saranno le giovanissime gemelle della danza, Ginevra e Virginia De Masi, ad aprire magnificamente la presentazione del testo. Le due straordinarie ballerine napoletane, appena diciassettenni, daranno vita ad una performance dal titolo La danza è il sorriso della nostra vita, a cui farà seguito l’esibizione in assolo di Virginia in Rosso e Nero. Con Ginevra e Virginia, la danza si inserisce a pieno titolo come anello di congiunzione perfetta  tra le varie arti, conferendo un tocco di stile ed eleganza ad ogni iniziativa culturale.
Oltre all’autore, saranno presenti Ileana Capurro, Giorgio Esposito e Donatella Gallone. Inoltre, sono previste brevi letture tratte dal testo, a cura di Gino Curcione e Annalisa Renzulli. Ci sarà anche un intervallo musicale con il soprano Leontina Alvano.

La presentazione del libro di Ferro si inserisce nel solco del percorso SOS Partenope lanciato da ilmondodisuk con il progetto di crowdfunding sulla piattaforma Meridonare per tradurre in italiano il libro di Jean-Noël Schifano, Dictionnaire amoureux de Naples, che sarà un vero e proprio Dizionario appassionato di Napoli.
Chiusa con successo la prima, è tuttora in corso la seconda campagna di crowdfunding con una mostra organizzata all’acquedotto Augusteo alla Sanità, gestito dall’Associazione VerginiSanità, che espone parte delle opere donate da oltre 100 artisti italiani e stranieri per sostenere l’operazione editoriale promossa dall’assessorato alla cultura e al turismo del Comune di Napoli.
L’idea di collegare il progetto SOS Partenope alla presentazione del libro di Ferro nasce dall’obiettivo di mostrare l’autentica e complessa identità di Napoli attraverso i suoi luoghi, la sua storia, ma anche i suoi talenti. E Pasquale Ferro è senz’altro un valoroso esempio. Lo scrittore debutta con Gli odori dei miei ricordi (Atman edizioni, 2000). Seguono, Genny Flowers (Suklibri, 2002), Mercanti di anime e di usura (Ancora del Mediterraneo, 2005), La luna esiste? (Luciano editore, 2009), Una radura verde smeraldo (Istituto Italiano di cultura di Napoli, 2010), Macedonia e Valentina, ‘O curaggio d’’e femmene (ilmondodisuk, 2014). Tra i numerosi riconoscimenti, si ricorda il premio Libero Bovio, 2012 per I racconti di un cane camorrista, inedito in Italia e pubblicato in lingua russa nel 2013. Da alcuni titoli sono state tratte pièce di successo, messe in scena anche per le scuole.

di Teresa Lanna

About Teresa Lanna

Laureata in "Lingue e Letterature Straniere" nel 2004, nel 2010 ha conseguito la Laurea Magistrale in "Arte Teatro e Cinema" presso l'Università degli Studi di Napoli "L'Orientale". Tra le sue più grandi passioni, l'Arte, la Fotografia, il Cinema, la Letteratura, la Musica e la Poesia. Grande sostenitrice dell'Art.3 della Costituzione Italiana, è da sempre allergica ad ogni tipo di ingiustizia sociale. In vetta alla classifica delle città che ama di più ci sono Napoli e Firenze.