Movimento 5 Stelle Rousseau

Movimento 5 Stelle: l’operazione verità della Lady Rousseau

Gianrenzo Orbassano 09/10/2022
Updated 2022/10/09 at 11:08 PM
4 Minuti per la lettura

Questa è la storia di uno strumento che completamente rivoluzionato il modo di fare politica in Italia: Gianroberto Casaleggio (ex Olivetti, ndr) è stato l’ideatore della piattaforma Rousseau, l’alba di una nuova era, quella della democrazia partecipata. La piattaforma è stata lanciata ufficialmente ad aprile 2016, il giorno della morte di Gianroberto Casaleggio, cofondatore insieme a Beppe Grillo del Movimento 5 Stelle, nonché ideatore del sistema operativo di democrazia diretta insieme al figlio Davide Casaleggio. In origine, Rousseau è stata pensata per consentire agli iscritti del Movimento 5 Stelle di esprimere il proprio parere sulle scelte politiche.

L’intervista a Enrica Sabatini ai microfoni di Informare

Questo, fino a quando il Movimento 5 Stelle si è evoluto nel corso dell’ultima legislatura. Ma in cosa si è evoluto? Secondo l’autrice del libro edito da PIEMME, Enrica Sabatini – la Lady Rousseau e compagna di Davide Casaleggio, il Movimento 5 Stelle si è trasformato in un classico partito vecchio stampo che ha perso quella spinta francescana che caratterizzava il suo operato politico. Il libro, presentato all’Istituto Salesiano di Caserta, è la sua «operazione verità». La presentazione del suo libro, è stata accompagnata dalla presenza di Giuseppe Diana, un ex alunno dei Salesiani e del «Comitato Sviluppo e Territorio».

Chi ha ucciso il Movimento 5 Stelle?

A tradire la visione di Gianroberto Casaleggio, sarebbe stato l’attuale capo politico del Movimento 5 Stelle. Giuseppe Conte viene criticato da Enrica Sabatini per aver eliminato il concetto della democrazia partecipata per trasformarla in una mera e mediatica attività di approvazione di provvedimenti imposti dall’alto.

La piattaforma Rousseau permetteva ai cittadini di fare rete e creare così una comunità unita nell’affrontare le problematiche“. Come? “Sta tutto nell’impiego di tempo che ognuno di noi mette a disposizione per la propria comunità” e ancora “Rousseau era il luogo in cui si svolgevano quasi tutte le più importanti decisioni del M5S“.

Oltre a questo, Rousseau permetteva di esporre i propri pareri, proporre nuove leggi (europee, nazionali e regionali) e nuove modifiche ai testi di legge già in corso di elaborazione, partecipare ad attività di e-learning con lezioni sul funzionamento delle istituzioni in cui sono inseriti gli eletti M5S.

“Conte? Un traditore. Il Movimento ha perso la sua identità”

«Ha una visione diversa da quella che ha sempre mosso i 5 stelle. Invece di farsi un partito personale, ha pensato di personalizzare il Movimento e provare a trasformarlo in un partito. Un’evoluzione che diventa trasformismo e infine aberrazione. Per questo secondo me oggi il M5s è al minimo storico del consenso: non risponde più a quel patto di fiducia che aveva fatto con i cittadini».

Enrica Sabatini è attivista storica del M5S, socia e Responsabile Ricerca & Sviluppo dell’Associazione Rousseau. Dai tempi dell’università, segue il progetto di Casaleggio senior e si appassiona alla vita politica. Consigliere comunale, Enrica Sabatini è laureata in Psicologia, specializzata nell’analisi dei processi cognitivi nell’interazione uomo-tecnologia.

Sul fondo della sua esperienza nel campo della psicologia delle organizzazioni, ha ricostituito, dal suo vissuto all’interno del movimento, un partito diretto con “arroganza, presunzione, mancata trasparenza e soprattutto ingratitudine“, che avrebbe “tradito Gianroberto Casaleggio” e che avrebbe pianificato anche l’estromissione del fondatore, Beppe Grillo.

Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *