informareonline-mostra-di-bizantini-a-napoli-37

I Bizantini tornano a Napoli fino al 13 febbraio

Giovanni Terzi 22/12/2022
Updated 2022/12/22 at 4:03 PM
3 Minuti per la lettura

Dopo quarant’anni, vi sarà nuovamente la mostra di Bizantini a Napoli. In particolare, quest’ultima, presso il Museo Archeologico Nazionale di Napoli, racconterà la storia dei Bizantini e il suo impero multietnico. L’evento durerà sino al 13 febbraio.

Saranno più di quattrocento le opere esposte, provenienti dalle collezioni del MANN e da prestiti concessi da 57 istituzioni italiane e greche.

Storia dell’impero bizantino

L’impero bizantino (395-1453) è il nome con cui si classifica l’impero romano, di cultura perlopiù greca, separatosi dalla parte occidentale latina successivamente alla morte di Teodosio I nel 395.

Inizialmente il sistema dell’impero romano era tetrarchico, creato dall’imperatore Diocleziano che divise lo stesso in quattro parti. Tale suddivisione terminò nel 324 quando Costantino sconfisse Licinio a Crisopoli, riunificando la carica imperiale.

Gli Illuministi introdussero il termine “bizantino”. Il fine fu l’evidenziare una differenza politico-culturale con l’impero romano classico in base alla sua suddivisione e alla caduta della sua parte occidentale. L’impero, dopo una lunga crisi, terminò definitivamente di esistere nel 1453.

Le parole del direttore del MANN Paolo Giulierini

Paolo Giulierini ha dichiarato circa l’evento le seguenti parole:

«Esiste una Campania archeologica dopo la caduta di Roma e raccontare in una grande mostra i mille anni di questo impero è per il MANN una nuova tappa del percorso, partito dai Longobardi, verso una più completa identità del nostro stesso museo. Napoli bizantina per molti sarà una sorpresa, alla scoperta di un intreccio di destini tra la città e l’impero lungo sei secoli, dopo la sottomissione a Roma, il tratto più lungo della sua storia. E anche quando il dominio bizantino di Napoli evaporò, questo legame con l’Impero non fu mai rinnegato e si trasformò in volano per tenere vivi i contatti con il Mediterraneo, la tensione verso altri mondi».

Il presidente Vincenzo De Luca

La mostra si chiama ‘’Bizantini, luoghi, simboli e comunità di un impero millenario’’. La stessa è sostenuta dalla Regione Campania ed è stata inaugurata dal presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca che durante del suo intervento ha annunciato l’inizio di un progetto:

«Stiamo pensando all’ampliamento del MANN con un’ala dell’Istituto Colosimo e un collegamento architettonico di qualità tra i due edifici».

Tutto ciò sarà dunque ornato con oreficerie, mosaici e affreschi.

Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *