informareonline-Salute
Pubblicità

Dal 15 luglio alle 17:00 del 10 agosto 2022 si potrà partecipare a un nuovo bando stanziato dal Ministero della Salute, nell’ambito del Pnrr (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza) su salute, ambiente, biodiversità e clima

L’investimento complessivo è di 21 milioni di euro. Le proposte possono essere presentate dalle Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano come proponenti o Capofila.

Pubblicità
A poter presentare proposte saranno aziende ospedaliere, Asl, Istituti di ricovero e cura a carattere scientifico, ma anche istituti zooprofilattici, Inail, Agenas, università, enti di ricerca pubblici, enti del terzo settore. Il sottosegretario alla Salute Andrea Costa ha spiegato che l’obiettivo del bando è fortificare la protezione della salute dei cittadini rispetto ai rischi noti e alle sfide incombenti di natura ambientale-climatica.
Altri temi su cui è possibile presentare progetti sono la prevenzione dei rischi sanitari emergenti legati a cambiamenti ambientali e socio economici, le nuove tecnologie, le politiche energetiche, mobilità e trasporti, transizione verde, e infine salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Il bando finanzia 14 programmi distinti in due macro aree:
⁃ Area A: programmi prioritari per il settore sanitario ( saranno tenuti in considerazione progetti di prevenzione e riduzione dei rischi sulla salute dell’inquinamento e per le aree critiche dal punto di vista ambientale; progetti per l’accesso universale all’acqua; prevenzione dei rischi fisici (rumore, radiazioni) o chimici; progetti per la riduzione degli impatti sulla salute umana dei cambiamenti climatici; progetti di igiene, resilienza e sostenibilità delle produzioni e delle filiere alimentari e progetti di promozione della salute nelle prime fasi di vita)
⁃ Area B: programmi che prevedono azioni a elevata sinergia con altre istituzioni/settori (progetti di prevenzione di rischi sanitari dovuti a cambiamenti ambientali, sociali, economici, tecnologici, energetici; i progetti sulla salute e la sicurezza nei luoghi di lavoro, perseguendo il benessere del lavoratore in ottica Total Worker Health; i progetti di supporto per realizzare città più sane, resilienti e sostenibili; i progetti di promozione di ambienti naturali e della digitalizzazione dei sistemi ambiente-clima e sistema sanitario e, infine, i progetti di ricerca per valutare l’impatto sulla salute umana dei rischi ambientali).
Pubblicità