azzardo

“Mettiamoci in gioco” è la campagna nazionale contro i rischi del gioco d’azzardo nata nel 2012 per sensibilizzare l’opinione pubblica e le istituzioni sulle reali caratteristiche del gioco d’azzardo e sulle sue conseguenze sociali, sanitarie ed economiche. L’appuntamento è per venerdì 14 giugno alle ore 17.

L’incontro inizierà dopo i saluti istituzionali del sindaco di Casal di Principe, Renato Natale, del coordinatore del Comitato don Peppe DianaValerio Taglione e del referente del coordinamento provinciale di Libera Caserta, Giovanni Solino.

Un appuntamento importante che sarà suddiviso in tre sessioni di lavoro e vedrà la firma del protocollo di intesa per l’avvio di un Tavolo tecnico sull’azzardo nelle Terre di don Diana. Le proporzioni raggiunte dal gioco d’azzardo, infatti, hanno raggiunto confini decisamente preoccupanti. Si parla di un giro d’affari che è entrato nel business delle mafie, rovinando le esistenze dei giocatori d’azzardo e delle loro famiglie.

La prima sessione

Per la prima sessione “Fenomeno e le sue conseguenze per una legge regionale“, interverranno: il viceprefetto Luigia Sorrentino, delegata del prefetto di Caserta, Roberto Malinconico, responsabile Unità operativa Dipendenze comportamentali e Antonio Vergara, Sostituto Procuratore della Repubblica Tribunale Napoli Nord con un focus sul nuovo affare delle camorre.

Inoltre, con Angelo Spinillo e Domenico Battaglia, rispettivamente vescovo di Aversa e vescovo di Cerreto Sannita, la discussione si sposterà sul ruolo della comunità cristiana.

I lavori per la prima parte saranno coordinati da Anna Cigliano della Rete nazionale Mettiamoci in gioco.

La seconda sessione

Per la seconda sessione, l’intento è elaborare proposte di soluzioni per il contrasto, la prevenzione e la riduzione del rischio della dipendenza dal gioco d’azzardo patologico. relazioneranno Aniello Baselice, del Coordinamento campano Mettiamoci in gioco, E Antonella Ciaramella, consigliere regionale.

La terza sessione

La terza sessione di lavoro per mettere a confronto le esperienze vedrà gli interventi di SuorRaffaella, della comunità Emmanuel di Benevento, Imma Vitale della comunità di recupero Associazione Leo e don Carmine Schiavone responsabile Caritas della Diocesi di Aversa. I lavori saranno coordinati da Gabriella Patricolo per il Comitato don Peppe Diana.

Al meeting che è promosso dal Comitato don Peppe Diana, Libera Caserta, Mettiamoci in gioco e Caritas anche nell’ambito del progetto Fucina con il sostegno di Fondazione con il Sud, sono stati invitati tutti i sindaci dell’agro aversano e del litorale Domitio, come ulteriore seguito del Manifesto di Azioni già presentato nel 2018 con gli Stati generali delle Terre di don Peppe Diana. A Casa don Diana, si riunirono magistrati, giornalisti, formatori, volontari, medici e psicologi oltre che amministratori pubblici, tesi a stringere un patto corale per il risanamento sociale dei territori.

 

Print Friendly, PDF & Email