Medical Humanities, la funzione curativa delle parole

34
Informareonline-Medical
Pubblicità

Riparte all’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa il Master “Medical Humanities”.

Il Master, unico nel Mezzogiorno, si rivolge a quanti, nella loro professione, si trovano a dover stabilire rapporti con l’Altro; e quindi a: cognitivisti, neurologi, infermieri, psicologi ma anche umanisti, storici dell’arte, filosofi.

Pubblicità
Esso si propone di formare esperti nelle Scienze Umane applicate alla cura, così da migliorare e ottimizzare il percorso terapeutico e quello di riabilitazione del paziente; di fornire gli strumenti necessari all’acquisizione di saperi e competenze relazionali, narrative e comunicative, sempre più richieste in qualsiasi ambito professionale.
Dopo l’esperienza della prima edizione, quest’anno il corso si riapre arricchito dei tanti materiali raccolti durante la passata esperienza, come ad esempio l’ampia finestra “CASO-COVID: oltre i numeri e le scienze esatte”.

Il Master “Medical Humanities” è aperto a tutti i laureati ma anche a studenti diplomati (per i quali varrà come Corso di Perfezionamento).
Sempre più urgente appare il confronto fra i dati scientifici della Evidence Based Medicine e quelli di una medicina basata sulla narrativa: la Narrative Based Medicine.
Il progetto è realizzato in collaborazione con l’Università Campus Biomedico di Roma.
Per info: www.unisob.na.it/medicalhumanities

Print Friendly, PDF & Email
Pubblicità