Come ogni anno, il nostro capitano Marek Hamsik è venuto a trovarci in redazione. Quest’anno ha incontrato i tanti ragazzini, che accompagnati dai loro genitori, hanno ricevuto in dono la sua autobiografia autografata, scattando anche qualche foto; altrettanti gli autografi messi su magliette e palloni della calcio Napoli SSC. Vedere negli occhi di questi bambini la loro gioia, è qualcosa d’impagabile. Marek, inutile ripeterlo è straordinario, non solo disponibile con tutti, ma ad ogni bambino ha dedicato una carezza e una foto. Quando il calcio porta questi insegnamenti è solo positivo, a noi resta la gioia di aver offerto a questi bambini un pomeriggio straordinario e che sicuramente ricorderanno.

Gli abbiamo donato il Pacco alla Camorra, che anche quest’anno sponsorizza mettendoci la faccia, accompagnato dall’amico Stefano Tommasi che ha voluto anche lui metterci la faccia. Attendiamo tanti altri amici, vi aspettiamo in redazione. Noi come tutti gli anni diamo inizio a quest’operazione d’immagine, non basta solo comprare il pacco, ma testimoniare attraverso una foto che pubblicheremo sul nostro sito, il proprio impegno contro la camorra.

Redazione Informare
Media Partner di un Pacco alla Camorra

Punto vendita e distribuzione:
Informare – Piazza delle feste int. 19 – Pinetamare – Castel Volturno (CE)

 

Per prenotazioni
Daniela Russo 346 211 35 34 – 081 235 80 31 

 

Print Friendly, PDF & Email
Articolo precedenteCastel Volturno Regione Campania invia 70 uomini …
Articolo successivoWORLD PRESS PHOTO 2018
Tommaso Morlando
Giornalista pubblicista - Fonda l'associazione "Centro Studi Officina Volturno" nel 2002 e di conseguenza anche il Magazine INFORMARE. In un territorio "difficile" è convinto che attraverso la cultura e l'impegno civico sia possibile testimoniare la legalità contro ecomafie e camorra. Liberi e indipendenti da ogni compromesso personale e partitico. Il nostro scopo è quello di fare corretta e seria informazione, dando voce ai più deboli e alle "eccellenze" dei nostri territori che RESISTONO. Abbiamo una storia ancora tutta da scrivere e da raccontare, ma la faranno i nostri giovani, ormai il seme è germogliato e la buona informazione si sta autodiffondendo.