Maradona, sparito anello di 300mila dollari, Gianinna: “Se mi uccidono…”

0
Informareonline-Maradona

Un altro giallo nella vicenda Maradona, dopo il caos creatosi dopo il decesso del campione argentino, il nuovo capitolo di oggi è la scomparsa di un anello del valore di 300mila dollari (circa 250mila euro) che tre anni fa era stato regalato a Diego dal club bielorusso della Dinamo Brest, di cui è stato presidente onorario fino alla sua morte, avvenuta il 25 novembre scorso in Argentina.

L’avvocato Mario Baudry – legale di Diego Fernando, il bambino di 7 anni figlio di Maradona e di Veronica Ojeda – ha dichiarato in un programma televisivo che quell’anello è stato consegnato da Maxi Pomargo, il più stretto collaboratore  del “Pibe de oro”, a una delle figlie. «Quale? Gianinna». ha dichiarato il legale.

La replica di Gianinna, attivissima come la sorella Dalma sui social, è stata immediata e durissima. La secondogenita di Maradona e Claudia Villafane ha postato su Twitter questo messaggio molto forte: «Se mi uccidono cercando un anello che non ho sono tutti complici».
Si attende, intanto, la conclusione delle indagini della Procura di San Isidro su quanto accadde il 25 novembre in casa di Maradona, dalla mancata assistenza al campione vittima di un collasso cardiocircolatorio alla presenza di marijuana che, secondo quanto emerso in alcuni messaggi WhatsApp del dottor Leopoldo Luque, era portata da un tale Charly, abitualmente frequentatore dell’appartamento a 25 km da Buenos Aires nel quale il Diego viveva dopo l’operazione al cervello del 3 novembre.

Di Pasquale Di Sauro

Print Friendly, PDF & Email