Maleducazione civica: parcheggi selvaggi nei pressi delle scuole

51
informareonline-parcheggi-scuole.2

Tra poche settimane vi sarà l’apertura di molti plessi scolastici, dove molti ragazzi torneranno per cominciare o continuare il loro nuovo anno di studio.

Le scuole sono il cuore dell’educazione e della crescita dei bambini che diventeranno adolescenti, e poi adulti. Fatta questa considerazione, a questi ragazzi, oltre all’insegnamento didattico, sicuramente di eccellenza in Italia, sarebbe opportuno trasmettere il senso civico e il rispetto dei luoghi dove si vive, dall’ambiente alla circolazione stradale.

Servirebbe poco per migliorare questa situazione che tutti gli anni, e per tutto l’anno didattico si ripete. Servirebbe la collaborazione e il senso civico da parte di tutti. Certo, questo non è puntare il dito contro i genitori, ma stimolare chi dovrebbe rendere più agibile e sicure le aree nelle vicinanze degli istituti scolastici.

informareonline-parcheggi-scuole-1

Non possiamo negare di essere incappati nella baraonda di quando si deve prelevare il proprio figlio presso l’istituto scolastico che frequenta. Si assistono a scene pazzesche, dalle autovetture lasciate parcheggiare in seconda e terza fila, a veicoli completamenti fermi che occupano intere carreggiate. È anche vero che nei pressi di molti istituti non esistono aree dove poter parcheggiare e raggiungere comodamente a  piedi gli istituti, ma questa non è una giustificazione, infatti se queste possibilità non sono plausibili, basterebbe ad esempio parcheggiare educatamente anche in strade adiacenti le scuole.

informareonline-parcheggi-scuole

Dobbiamo capire che congestionare il traffico nei pressi delle scuole è estremamente pericoloso. Pensate cosa accadrebbe se si venisse a creare una situazione di emergenza in cui si necessiti dell’intervento di un’ambulanza, Polizia, Carabinieri, Vigili del fuoco etc.

Pensate se i soccorsi non riuscissero a raggiungere il luogo di emergenza, in questo caso la scuola, ed operare a causa dell’inciviltà e poca educazione civica da  parte dei cittadini. Poi? chi saranno i responsabili, i soccorsi oppure chi ha ostacolato il proprio intervento? riflettiamo e diamoci una risposta.

Penso e ripeto che, anche se mancano i servizi al di fuori degli istituti scolastici da parte di chi dovrebbe fornirli a causa di svariati motivi, è sicuramente vero che se tutti collaborassero tante di queste problematiche potrebbero essere smorzate e sicuramente migliorate, se non definitivamente risolte.

Pensate che potrebbe accadere? almeno proviamoci e diamo il giusto esempio ai nostri figli, ma soprattutto al loro futuro.

di Luigi Di Mauro

Print Friendly, PDF & Email