Mal di schiena quando si dorme: cause e rimedi

71
mal di schiena dorme
Pubblicità
Dottor Angelo Vella: “La grande varietà di tessuti che compongono la schiena rendono il mal di schiena una delle condizioni dolorose più difficili da diagnosticare”

Il mal di schiena è sicuramente una delle patologie più frequenti che colpiscono la popolazione di tutto il mondo. Esso può manifestarsi in diversi modi: mentre si respira o si corre, mentre si sta seduti al computer o ci si mette le scarpe e anche mentre si dorme o quando si è sdraiati. Per quanto riguarda questi ultimi due casi, studi e ricerche hanno dimostrato che almeno una persona su due abbia sofferto almeno una volta di mal di schiena prima dei 40 anni. Dagli anni ‘90 ad oggi, l’incidenza del mal di schiena tra la popolazione mondiale è aumentata incredibilmente, soprattutto quando si dorme e dunque si è sdraiati. I motivi principali sono stati due: l’aumento dell’età media e la sedentarietà della vita delle persone.

Il Dottor Angelo Vella, fisioterapista, posturologo e osteopata con sede a Villa di Briano (CE), ha voluto rispondere ad alcune domande e perplessità di pazienti che hanno prenotato visite e sedute dopo aver lamentato problemi alla schiena mentre erano a letto. «Le persone soffrono sempre più di mal di schiena, e questo è uno dei principali motivi per cui si recano in un centro di fisioterapia. Il trattamento conservativo è la principale arma contro questa condizione dolorosa. Inoltre, la grande varietà di tessuti che compongono la schiena rende il mal di schiena una delle condizioni dolorose più difficili da diagnosticare» dice il Dott. Vella.

Pubblicità

Informareonline-spina-calcaneareMAL DI SCHIENA DA SDRAIATI: LE POSSIBILI CAUSE

Il mal di schiena mentre si è sdraiati interessa nella maggior parte dei casi la zona dorsale, e i suoi sintomi dipendono molto dalle cause. Sintomi che provocano una limitazione dei movimenti e un piegamento in avanti della postura.

Il mal di schiena sul tratto dorsale può dipendere da diverse cause: trigger point e contratture muscolari, le quali negli sportivi sono dovute ad un sovraccarico della schiena durante gli allenamenti o durante le competizioni, mentre negli altri individui la contrattura dorsale può essere prodotta da un’alterazione della postura; disco intervertebrale, perché può succedere che il paziente sviluppi delle fuoriuscite parziali del disco intervertebrale dalla sua sede di origine; contusione locale, caratterizzata dalla formazione di un livido, che risulta doloroso alla palpazione e fastidioso anche al movimento; patologie reumatiche, come l’artrite; patologie cutanee; lesione ossea vertebrale ecc.

tensioni muscolariMAL DI SCHIENA QUANDO SI DORME: LA FISIOTERAPIA

Per il mal di schiena è fondamentale il lavoro del fisioterapista. «Molto importante sarà la valutazione dell’esperto dopo aver somministrato al paziente una serie di domande per ricavare il maggior numero di informazioni possibili, sia sul dolore che sulla sua storia clinica» spiega l’esperto casertano.

Di solito il programma riabilitativo dello specialista prevede alcune tecniche manuali, soprattutto se il soggetto soffre di dolore alla schiena nella parte inferiore del tratto lombare ed è sdraiato in posizione supina. Tecniche manuali come la pompage miofasciale, che vengono utilizzate proprio per trattare moltissime condizioni muscolo-scheletriche.

Tuttavia, oggi un approccio integrato fra terapia manuale, mezzi fisici ed esercizi rimane quello più avvalorato ed efficiente. I dispositivi adatti per trattare un dolore alla schiena possono essere tecarterapia, ipertermia, laserterapia ad alta potenza, ultrasuonoterapia etc.

Per maggiori informazioni consultare il sito https://dottorvella.it/ o prenotare direttamente un appuntamento chiamando al numero 08119184490 / 3319131003 (anche whatsapp).

Pubblicità