Maddaloni: è “sparito” il mega parco giochi ‘Ludo & Felix’

Simone Cerciello 21/11/2022
Updated 2022/11/21 at 6:18 PM
2 Minuti per la lettura

400 milioni di euro investiti, circa 3.500 nuove opportunità di lavoro e due poli da oltre 60 ettari complessivi, erano le caratteristiche annunciate per il ‘Ludo & Felix’ di Maddaloni (nell’ex cava Cementir): il parco a tema più grande d’Europa, anche più di Disneyland Paris. L’annuncio in pompa magna si è presto però trasformato in silenzio tombale; tante belle premesse per un nulla di fatto (ad oggi)

Ludo & Felix: le assunzioni fantasma

Progetto strutturato, presentazione fatta, mancavano le assunzioni. A giugno la svolta: si aprono le candidature e in massa arrivano miglia di curriculum (si è stimato fossero circa 14.000). Dalla chiusura del bando sarebbero dovuti essere centinaia i ragazzi che, in teoria, avrebbero dovuto sostenere dei corsi di formazione che avrebbero poi dato la possibilità di lavorare nel parco. Tutto bello, forse fin troppo, se si considera che di tutti i “prescelti” al momento nessuno ha ancora messo piede nel “parco fantasma”.

Le dichiarazioni di uno degli ideatori del progetto (a luglio)

Filippo Ferdinando Gustavo Vettone risulta essere uno degli ideatori del progetto Ludo & Felix, il quale, a seguito delle prime protese mosse (luglio 2022), ha così commentato l’evoluzione del progetto: “Continueremo a lavorare a pieno regime sul progetto, impegnandoci affinché, con le prossime comunicazioni, che non diffonderemo prima di settembre, avremo modo di rispondere in modo più concreto ed essere pronti per l’evento di posa della prima pietra, che si terrà dal 20 al 22 settembre, come già indicato. In quella occasione saranno comunicate, in modo dettagliato, tutte le novità sul progetto e le attività in progress”.

I più attenti noteranno che settembre è già passato da un po’ e il 2023 inizia a bussare lentamente alle porte. Al momento, del parco più grande d’Europa nemmeno l’ombra e vien quasi da pensare che “un parco da sogno” sia più simile al “sogno di un parco”.

Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *