informareonline-ceramiche-lucio-liguori-11

Situato a Raito, uno dei posti più suggestivi della Costiera Amalfitana, a pochi passi da Vietri sul Mare, vi è il laboratorio di ceramiche di Lucio Liguori, uno dei più noti ceramisti campani.

Con la sua arte e la costante ricerca creativa legata sempre alle tradizioni della ceramica di Vietri, ha saputo creare un simbolo, una particolarità in alcuni luoghi della Costiera come a Praiano.

Nelle sue creazioni si ispira al mare, negli ultimi tempi ha lavorato sulle alici, divenute poi la sua firma, e per il Progetto di Praiano ha scelto i tonni e i totani, tipici di questa parte del mare. Ha iniziato a lavorare la ceramica all’età di 12 anni, dopo aver frequentato il Liceo Artistico di Salerno, apprenderà questa nobile arte in diverse botteghe di Vietri.

Nel corso del tempo ha saputo trovare un suo stile anche sull’uso dello smalto e dei colori e continua a lavorare anche l’argilla, un antico lavoro artigianale destinato a svanire.

Ha realizzato anche pannelli che rappresentano il paesaggio di Praiano, che per lui racchiude qualcosa di magico e di importante: “è uno spazio celeste”, afferma l’artista. Le sue opere hanno ricevuto diversi premi nazionali come nel 1994 che vince il concorso “Viaggio attraverso la Ceramica”.

Nel 1997 Lucio Liguori è vincitore del Premio Torniante di San Lorenzello Benevento e infine nel 2000 partecipa al XVII Biennale Internazionale contemporanea di Vallauris al Museo Picasso in Francia.

Sempre per la città di Praiano ha realizzato 12 vasi per 12 segni zodiacali. Espone nell’Auditorium di Villa Guariglia a Raito nel febbraio del 2018 la mostra personale con sessanta lavori in ceramica.

di Federica Lamagra

TRATTO DA MAGAZINE INFORMARE N°194
GIUGNO 2019

Print Friendly, PDF & Email