lido varca d'oro

Lido Varca d’Oro: ospitalità e innovazione

Andrea Passero 26/06/2024
Updated 2024/06/26 at 9:42 AM
5 Minuti per la lettura

Situato a Marina di Varcaturo, in Via Orsa Maggiore, il Lido Varca d’Oro è un’istituzione storica che risale al 1959. Nato dall’iniziativa del nonno paterno dell’attuale proprietario, Salvatore Trinchillo, e gestito oggi con il supporto delle sue sorelle, il lido è un’attività familiare che ha attraversato tre generazioni. Sin dal suo esordio, il Lido Varca d’Oro si è distinto per la sua capacità di innovare, promuovendo le mode e adattandosi ai cambiamenti sociali. Anche oggi, dopo 70 anni, continua a essere all’avanguardia nelle nuove tendenze e le strategie di turismo balneare, grazie anche ad un ufficio marketing interno. 

Questa struttura è gestita con passione ed entusiasmo, facendo vivere ai clienti una ottima esperienza nella splendida realtà del Litorale Domitio. Il punto di forza del Lido Varca d’Oro è l’ospitalità, sempre in linea con la legge del libero accesso, e le grandi innovazioni. È stato il primo lido a implementare i lettini quando c’erano solo sdraio, e a piantare palme in spiaggia quando sembravano ancora un’utopia. La spiaggia del Lido Varca d’Oro è progettata per garantire il massimo comfort ai clienti, con una pulizia maniacale della sabbia e della battigia ogni giorno. La distanza tra gli ombrelloni assicura privacy e libertà reciproche, con tutti i servizi a portata di mano e un personale sempre presente. È anche uno dei pochi lidi ad accettare i cani, e a far entrare gli ospiti con le proprie vivande. 

Un lido “open” accessibile e inclusivo, che offre numerosi servizi disponibili tutto l’anno, giorno e notte. Non solo mare, ma anche divertimento per tutti, con un’ampia gamma di attività per garantire un’esperienza completa e soddisfacente per ogni visitatore.  

La spiaggia, quindi, è aperta anche di sera con spettacoli differenti per tutte le età: concerti live, piano bar, cabaret e eventi di promozione del territorio, e tutto a titolo gratuito. 

La parola chiave è proprio “ospitalità”, il Lido Varca D’Oro è sempre aperto all’accesso libero, in qualsiasi ora della giornata, offrendo servizi a pagamento come ombrelloni, lettini e ristorazione solo su richiesta specifica del cliente; unica pre-condizione il rispetto delle regole e buona educazione per una civile convivenza. 

Il proprietario e General Manager del Varca D’Oro Network, Salvatore Trinchillo, si è dimostrato orgoglioso di aver contribuito in maniera importante a tutto il territorio di Varcaturo ed in maniera particolare alla Riviera Flegrea Domizia, divenuta nel tempo meta del turismo balneare. 

Oltre a fare singole attività come Varca D’Oro, c’è coordinazione attraverso tutto il Network, una serie di attività collegate, create seguendo la logica della dinamica di crescita: il Playa Luna, il Kami, il Fior D’acqua, il Damai e il Livingston Bistrot.  

Per quanto riguarda le novità, si sta attuando un consorzio con altri lidi per realizzare un progetto di finanza che permetta la realizzazione di opere pubbliche, in aiuto al comune. L’obiettivo è quello di migliorare gli standard turistici della costa, tutelare le spiagge libere, realizzare piste ciclabili e rotatorie; la balneazione da sola non basta, ma serve un grande decoro ad un territorio che ha dato molto al Varca D’Oro. 

Per quanto riguarda la riforma delle concessioni balneari, Salvatore Trinchillo, che è rappresentante di categoria, attuale Vicepresidente Nazionale del Sindacato Balneari (S.I.B), si è espresso non molto favorevole poiché “deleterio per la pianificazione futura”. Lui è abituato a lottare senza arrendersi, così chiede al governo una norma che metta in sicurezza, senza favoritismi; se ci saranno bandi si auspica che venga riconosciuta la professionalità rispetto terzi che esercitano altri mestieri e che vengano riconosciuti gli investimenti che sono stati fatti in passato. 

Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *