Licenza Polemica: about Women

29
informareonline-licenza-polemica-2

Uomini e donne hanno dei limiti. Limiti fisici in questo caso specifico.

Esempio: le donne hanno una struttura muscolare più debole di quella degli uomini. Questo dato non impedisce loro, seguendo un adeguato allenamento, di diventare più forti degli uomini. Basta volerlo. Altro esempio: gli uomini che danzano potrebbero avere difficoltà a compiere un salto ed atterrare eseguendo una spaccata. You know exactly what I mean.

Questo dato non impedisce loro, seguendo un adeguato allenamento, di eseguire tale gesto. Basta volerlo. Da questi due esempi, sicuramente riduttivi, ma calzanti, cosa abbiamo imparato? In prima battuta, che i limiti possono essere superati, poi abbiamo imparato che, per quanto lo stereotipo di uomo e donna possa essere basato sul fenotipo di appartenenza, esso diventa alquanto inadeguato non appena entra in gioco la volontà del singolo. Che diventa volontà di massa non appena una notevole quantità di individui ripropone la stessa attitudine. For sure, se rimaniamo nell’ambito sportivo, parliamo di masse che formano gruppi circoscritti, but let’s move on to another topic.

Le idee di massa nascono più o meno in questo modo. Quando un’idea viene ritenuta maggiormente fondata, rispetto ad un’altra, un singolo individuo la propone ad una serie di persone, quelle persone la ripropongono a loro volta e si crea l’effetto piramide. Anche se non sono più sicuro che si possa parlare di vera e propria piramide. Con l’ausilio del web la diffusione di idee è diventata virale. E la rete sta facendo un ottimo/pessimo lavoro! Esempio: i gruppi neofascisti, grazie ai social, hanno avuto la possibilità di organizzarsi e riscuotere consensi.

Questo accadeva prima che l’algoritmo anti-haters decidesse di rispedirli al mittente, se mai ce ne fosse uno – I’m so glad facebook is a private company. Altro esempio: i social sono un ottimo canale di diffusione di messaggi femministi.
Let me go straight to the point. La nostra società sta cambiando. Grazie ai mezzi di informazione digitale, il cambiamento si sta materializzando in un tempo davvero ridotto. Il femminismo dilaga grazie all’effetto piramide, anche se in realtà è più virale che piramidale. Tuttavia, il rapporto tra uomo e donna è ancora influenzato da uno stereotipo. La maggior parte degli uomini – dico maggior parte non perché abbia letto dei dati statistici, ma perché tengo conto dei dati da me raccolti attraverso l’osservazione di comportamenti quotidiani –continua a voler dominare le donne. Attenzione, abbiamo fatto dei grandi passi in avanti rispetto al Medioevo. O forse dovrei dire rispetto agli 70’ in cui l’aborto ed il divorzio erano ancora illegali. Anyway, quando dico dominare, intendo dominare in senso psicologico. Questo atteggiamento, a volte, comporta anche l’uso della violenza.

Ma a noi, più che la degenerazione, interessa la radice di tale comportamento degenerato.
Speaking of myself per tutta la vita ho cercato di diventare una persona sensibile. La lettura e la scrittura sono il risultato di tutto questo. Fatto sta che anch’io continuo a combattere con il mio io etologico, che mi ronza nella testa e mi dice di comportarmi in modo rude, perché l’uomo è rude da che mondo e mondo. Lo combatto con tutte le mie forze e in alcuni momenti mi sembra di averlo sconfitto definitivamente.
Poi, incontro una ragazza, parliamo – io sono convinto di averla conquistato col mio charme, ogni uomo è sempre convinto di averla conquistata col suo charme – ma lei mi fa notare che preferisce il ragazzo con la giacca di pelle, che piscia sulle persone per marcare il territorio come un animale. Allora io penso “c’mon, how is this even possible?”. E poi, continuando a parlare, scopro di avere a che fare con una ragazza che si ritiene femminista. Are you freaking kidding me?
Come puoi ritenerti una femminista, se ti piace il tipo che piscia sulla gente per marcare il territorio?
Secondo me, e io non sono nessuno, gli uomini non riescono a fare a meno della loro anima rude per due motivi:

1) culturalmente, la società non è ancora riuscita a superare questo scoglio;
2) hanno bisogno della loro anima rude per far sopravvivere la specie.

 

di Marco Cutillo

TRATTO DA MAGAZINE INFORMARE N°198
OTTOBRE 2019

Print Friendly, PDF & Email