Il libro di Ismaele La Vardera, vince il premio Piersanti Mattarella

Da sx: Ismaele La Vardera, Benedetto Zoccola e Marco Ligabue

Il libro Il mio nome è Zoccola: per la camorra sono un figlio di puttana, scritto da Ismaele La Vardera, dopo essere stato selezionato lo scorso mese tra i 20 finalisti al Premio Letterario Giornalistico Piersanti Mattarella, il 26 Novembre è stato premiato vincendo la terza edizione.

In questo libro Benedetto Zoccola, ex vicesindaco di Mondragone, racconta la sua storia personale e politica. Zoccola oggi sotto scorta, con le sue denunce ha portato all’arresto di vari esponenti malavitosi.

È stato consegnato a Zoccola anche il Premio speciale Onlus Memoria nel cuore “Senso del dovere 2017” con la seguente motivazione: «Per la forza al diniego del sopruso a ogni costo e la tenace volontà di legalità e giustizia da portare ad esempio nella concretezza del cambiamento».

«Due sorprese inaspettate – Dichiara Benedetto Zoccola –  un’emozione indescrivibile! Il premio Piersanti Mattarella per il libro in cui Ismaele ha raccontato della mia storia, e quello, che con grande onore, ho ricevuto per “il senso del dovere”. Piccole soddisfazioni che mi danno quella carica in più per continuare a testa alta la mia/nostra battaglia!».

di Emilio Pagliaro