Libia, liberati i pescatori italiani dopo 108 giorni

0
“Grazie all’Aise (la nostra intelligence esterna) e a tutto il corpo diplomatico che hanno lavorato per riportarli a casa. Un abbraccio a tutta la comunità di Mazara del Vallo. Il Governo continua a sostenere con fermezza il processo di stabilizzazione della Libia. È ciò che io e il presidente Giuseppe Conte abbiamo ribadito oggi stesso ad Haftar, durante il nostro colloquio a Bengasi”.
Queste le dichiarazioni del Ministro degli esteri Luigi Di Maio.
I nostri pescatori sono liberi: erano trattenuti a Bengasi, roccaforte del generale Khalifa el-Haftar, da inizio Settembre. 18 persone, tra cui 8 italiani, 6 tunisini, 2 indonesiani e 2 senegalesi.
“I pescatori hanno già parlato con i loro familiari e sono a bordo dei due loro pescherecci Antartide e Medinea. anche i loro colleghi musulmani dopo mesi sono riusciti a scambiare qualche battura con i familiari” dichiara il sindaco di Mazara del Vallo, Salvatore Quinci, sulle notizie che arrivano da Bengasi sui pescatori italiani. E’ esplosa la festa nell’aula consiliare del Comune di Mazara del Vallo dopo l’arrivo della notizia ufficiale arrivata dalla Libia della liberazione dei 18 pescatori della marineria locale. Applausi, urla e pianti di gioia e tanti abbracci. Il tutto misto a commozione e senso di liberazione. “Sono felicissima – ha detto la figlia di uno di loro – non ho parole per esprimere la gioia che provo e la felicità nel pensare che presto potrà riabbracciarlo”.
“Sono stati 108 giorni da incubo che finalmente sono finiti. E’ un bellissimo regalo di Natale per me e per tutti i familiari dei 18 pescatori. Non vedo l’ora di riabbracciare mio figlio” dice invece ai microfoni ANSA Nuccia Giordano, madre di Giacomo Giacalone, uno dei pescatori mazaresi liberati oggi a Bengasi.
Print Friendly, PDF & Email