L’Egitto concede la grazia a Patrick Zaki

Gianrenzo Orbassano 19/07/2023
Updated 2023/07/19 at 5:46 PM
2 Minuti per la lettura

Patrick Zaki è stato graziato. Finisce per lui un incubo terribile. I suoi compagni di studi e di vita potranno finalmente riabbracciarlo a Bologna.

Zaki è libero

Il 7 febbraio 2020 Patrick Zaki, studente del Master in Studi di genere dell’Università “Alma Mater” di Bologna, è stato fermato all’aeroporto del Cairo, la capitale dell’Egitto.
Dopo diverse ore di sparizione forzata, è ricomparso il giorno dopo di fronte alla Procura della città di Mansura, dove è stato convalidato l’arresto, sulla base di un mandato di cattura contenente le accuse di minaccia alla sicurezza nazionale, incitamento a manifestazione illegale, sovversione, diffusione di notizie false e propaganda per il terrorismo.

al-Sisi concede la grazia al giovane neo laureato

Il presidente egiziano Abdel Fatah al-Sisi ha concesso la grazia a Patrick Zaki. La decisione presa in seguito alla condanna a 3 anni di carcere dello studente egiziano, iscritto all’Università di Bologna dove si è laureato con 110 e lode lo scorso 5 luglio.

“Abbiamo ricevuto segnali positivi dallo Stato” sulla richiesta di grazia avanzata per Patrick Zaki. Aveva scritto su Facebook Tariq Al-Awadi, attivista per i diritti umani e membro del Comitato presidenziale per la grazia, che aveva presentato una richiesta formale di grazia immediata per l’attivista e ricercatore egiziano.

Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *