Legge regionale

Legge reg. 58/2018 per Castel Volturno: l’analisi e i commenti

Stefano Errichelli 10/12/2022
Updated 2022/12/10 at 8:00 PM
10 Minuti per la lettura

La tanto attesa e chiacchierata legge regionale 58/2018 è stata presentata in aula consiliare del comune di Castel Volturno ieri venerdì 9 dicembre. La legge regionale riguarda lo stanziamento di 1 milione di euro all’anno per tre anni nelle casse del comune di Castel Volturno. Alla presentazione dell’evento hanno partecipato: il presidente del consiglio regionale della Campania Dott. Gennaro Oliviero e l’Assessore regionale alla sicurezza e la legalità Dott. Mario Morcone. Presenti, oltre al sindaco della città Luigi Petrella, anche tanti esponenti politici locali e rappresentanti delle associazioni locali.

Legge regionale 58/2018, Oliviero: “Occorre programmazione, nulla casca dal cielo”

L’evento tenutosi nella casa comunale ha evidenziato l’attenzione dei vertici della Regione Campania verso la città di Castel Volturno. Le parole del presidente del consiglio regionale Gennaro Oliviero risuonano come una “bacchettata” politica per l’amministrazione Petrella. In modo chiaro ed univoco i vertici della regione Campania hanno sottolineato quanto sia importante la programmazione in una città che possiede delle emergenze uniche nel suo genere. Specificando che il lavoro fatto dall’amministrazione locale deve procedere di pari passo con la filiera istituzionale regionale e nazionale. Senza mezzi termini il Presidente Oliviero ha espresso l’importanza di questa legge per Castel Volturno, suggerendo al primo cittadino Petrella di affidare ad un assessore membro della sua giunta, una delega specifica per l’utilizzo di questi fondi e in generale per legge 58/2018.

La proposta del presidente evidenzia in modo significativo l’interesse a mantenere un rapporto diretto e la possibilità di procedere in modo spedito all’individuazione di ulteriori fondi da destinare a Castel Volturno. Ha fatto il suo intervento anche il sindaco della città Luigi Petrella che ha rivendicato il lavoro svolto dalla sua giunta per la legge regionale e l’impegno che la stessa porrà nell’utilizzo di questi fondi, anche se bisogna ricordare che la Legge regionale è frutto di un accordo dell’amministrazione antecedente. Il primo passo per confermare quest’impegno significativo per la ripartizione dei fondi è stato quello di individuare (quasi ufficialmente) nella persona dell’assessore Elvira Caccavale la figura che avrà la delega nel seguire la “legge regionale 58/2018”.

Legge regionale 58/2018, Morcone: “La sicurezza e la legalità devono essere temi centrali nella discussione politica”

Durante il corso della manifestazione ha poi preso la parola l’Assessore regionale Mario Morcone; evidenziando il lavoro svolto della Regione Campania per la città di Castel Volturno e il suo personale senso di appartenenza al territorio castellano. L’Assessore ha poi affrontato il tema dell’immigrazione e dei tanti beni confiscati presenti sul territorio, argomento sul quale ha specificato che occorre un impegno sinergico con il comune per restituire i beni alla collettività.

Interviene il sindaco Petrella: “Da parte nostra nessun ritardo, lavoriamo per ottenere le altre annualità”

Al termine del dibattito si è concesso ai nostri microfoni il primo cittadino di Castel Volturno Luigi Petrella: “Questa legge regionale rappresenta un’opportunità concreta per la nostra città e lavoreremo per ottenere le altre due annualità. Bisogna sottolineare il lavoro dell’attuale amministrazione, che si è impegnata concretamente per l’ottenimento di questi fondi, con un tavolo sinergico con la regione.

Fin dall’insediamento della mia giunta ci siamo interessati alla legge 58, provvedendo più volte a sollecitare gli organi di competenza sui ritardi dell’erogazione dei fondi. Provvederemo ad utilizzare quest’ultimi per aiutare le fasce più deboli, il mio desiderio personale sarebbe quello di utilizzare parte di questi fondi per creare delle linee di trasporto pubblico scolastico. Soprattutto in quelle parti della città che soffrono a causa delle limitazioni nei collegamenti, ad esempio i tratti confinanti con il ponte di Destra Volturno dove è quasi impossibile raggiungere le scuole. Ci impegneremo ad istituire dei tavoli con la regione e lo Stato centrale per lavorare ad ulteriori progetti di riqualificazione della città”.

La risposta del presidente dell’Associazione Centro Studi Officina Volturno Tommaso Morlando

“Nonostante porti amicizia e stima per il consigliere regionale Morcone, dove dire che quest’incontro è fuori luogo – afferma Tommaso Morlando – Il consigliere Oliviero anziché scusarsi per il ritardo nel deliberare dopo 4 anni, la miseria di quel milione all’anno e SOLO per tre anni, viene a fare retorica e passerella mentre dovremmo denunciare per centinaia di milioni di euro la regione Campania per i disastri che ha causato a Castel Volturno.

Inquinamento Regi Lagni per mancato funzionamento dei depuratori (distrutta un economia balneare). Scarichi di rifiuti ospedalieri per oltre 600.000 tonnellate nella discarica Sogeri, iniziando da Rastrelli
per finire a Bassolino, e le varie riaperture per risolvere l’emergenza napoletana e con la camorra locale che si è ingrassata.


Senza ricordare il terremoto degli anni ’80 di Napoli, dove con il commissario Zamberletti
vennero a sequestrare le seconde case del nostro territorio e non quelle di Ischia, Sorrento ecc. appartenenti alla provincia di Napoli e non certo di Caserta…anche allora, una politica miope vendette il territorio per trenta denari.
Poi il bradisismo di Pozzuoli…e sempre da noi vennero smistati.

E Gli extracomunitari irregolari che pesano sul bilancio comunale per circa 5 milioni all’anno.
E infine i detenuti agli arresti domiciliari che vengono parcheggiati da noi. Si accetta 1 milione all’anno, quando con un azione legale mirata di richiesta di danno ambientale
si potrebbero chiedere almeno 100 milioni di danni per una distruzione sistematica e storica del nostro territorio.


Perchè nessuna amministrazione interviene?
Perchè si teme di inimicarsi la regione?
Al posto del sindaco Petrella non mi sarei nemmeno presentato a quest’incontro che è solo mortificante per il nostro comune.
Lo scandalo delle 70 persone inviate dalla regione sul nostro territorio e dalla stessa pagati per non fare nulla, perchè non se ne parla, mentre si vuole eliminare il reddito di cittadinanza?”

Il dem Scialla attacca la giunta: “Questa amministrazione si dimostra completamente incompetente”

Anche il consigliere comunale Giuseppe Scialla è intervenuto ai nostri microfoni, confermando la spaccatura profonda tra maggioranza ed opposizione: “Ancora una volta l’amministrazione Petrella ha dato prova di una profonda incompetenza che si ripercuote sulla pelle dei cittadini.

Troppe le inadempienze di questa giunta, che oggi ha dimostrato ancora una volta di non riuscire a gestire la città, le mancanze progettuali sono visibili ad occhio nudo. Bisogna sottolineare la mobilitazione dei consiglieri di opposizione che il 25 ottobre, congiuntamente, mandarono una lettera al Presidente Oliviero, nella quale specificarono la necessità di questa legge e della sua immediata fruibilità. La legge regionale 58 è frutto del lavoro dell’amministrazione Russo, che si impegnò concretamente per l’attuazione e l’ideazione di questa legge, che rivendichiamo aldilà dei colori politici, ma per l’interesse dei castellani”.

Il consigliere Schiavulli: “Legge inefficace. L’amministrazione precedente si è piegata per quattro soldi”

Apprendiamo di un cominciato pubblicato dal consigliere comunale Guido Schiavulli sul suo profilo Facebook. Decidiamo di pubblicarlo per garantire una giusta informazione ai nostri lettori. Ecco riportato il comunicato: “L’amministrazione precedente, per quattro soldi (1milione l’anno – Legge regionale 29 dicembre 2018, n. 58.) si è fatta piegare dagli enti sovrastanti, accettando in cambio gravosi problemi sociali (che producono una fallimentare erogazione dei Livelli Essenziali di Prestazioni, LEP) e i relativi costi (di gran lunga superiori) dovuti all’immigrazione illegale, successivamente anche alle numerose presenze sul territorio, oltre trecento, di persone condannate alla detenzione domiciliare con il relativo corollario a seguito.

Accade che dal 2019, da quando c’è il sindaco Petrella e la sua giunta, questo milione di euro non è mai pervenuto. Noi minoranza, in una delle rare volte che ci ha visti uniti, sottoscriviamo una lettera di sollecito al Presidente Oliviero e al dr. Morcone assessore regionale con delega alla sicurezza, legalità e immigrazione. Circa un mese dopo, come normalmente succede, riceviamo una risposta, positiva. Dignità vorrebbe, che il sindaco riconoscendo il buon esito dovuto all’interessamento della minoranza, ringraziasse questi ultimi e incoraggiasse a lavorare insieme, e invece col solito profluvio di inutili parole, non trova altro da dire che, non è dovuto certamente all’impegno assunto dall’opposizione.

Condividi questo Articolo
1 Comment
  • Nonostante porti amicizia e stima per il consigliere regionale Morcone, ma quest’incontro è fuori luogo,
    Il consigliere Oliviero anziché scusarsi per il ritardo nel deliberare dopo 4 anni, la miseria
    di quel milione all’anno e SOLO per tre anni, viene a fare retorica e passerella mentre dovremmo denunciare
    per centinaia di milioni di euro la regione Campania per i disastri che ha causato a Castel Volturno.

    Inquinamento Regi Lagni per mancato funzionamento dei depuratori (distrutta un economia balneare).
    Scarichi di rifiuti ospedalieri per oltre 600.000 tonnellate nella discarica Sogeri, iniziando da Rastrelli
    per finire a Bassolino, e le varie riaperture per risolvere l’emergenza napoletana e con la camorra
    locale che si è ingrassata .
    Senza ricordare il terremoto degli anni ’80 di Napoli, dove con il commissario Zamberletti
    vennero a sequestrare le seconde case del nostro territorio e non quelle di Ischia, Sorrento ecc.
    appartenenti alla provincia di Napoli e non certo di Caserta…anche allora, una politica miope vendette
    il territorio per trenta denari.
    Poi il bradisismo di Pozzuoli…e sempre da noi vennero smistati.
    E Gli extracomunitari irregolari che pesano sul bilancio comunale per circa 5 milioni all’anno.
    E infine i detenuti agli arresti domiciliari che vengono parcheggiati da noi.
    Si accetta 1 milione all’anno, quando con un azione legale mirata di richiesta di danno ambientale
    si potrebbero chiedere almeno 100 milioni di danni per una distruzione sistematica e storica
    del nostro territorio.
    Perchè nessuna amministrazione interviene ?
    Perchè si teme di inimicarsi la regione?
    Al posto del sindaco Petrella non mi sarei nemmeno presentato a quest’incontro che è solo
    mortificante per il nostro comune.
    Lo scandalo delle 70 persone inviate dalla regione sul nostro territorio e dalla stessa pagati
    per non fare nulla, perchè non se ne parla, mentre si vuole eliminare il reddito di cittadinanza?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *