L’ecosistema di “Spesa Sospesa” attivo anche a Napoli

Informareonline-Spesa sospesa

Il progetto “Spesa Sospesa” è stato presentato stamani in diretta streaming sul canale Facebook dell’Assessorato al lavoro del Comune di Napoli. All’incontro è intervenuta Monica Buonanno, assessore al Lavoro, al Diritto dell’abitare, allo sviluppo della Città di Napoli.

230mila euro destinati alla città. Da oggi è operativa anche a Napoli, grazie alla partecipazione di Emergency, spesasospesa.org, progetto di solidarietà circolare lanciato durante il lockdown per aiutare famiglie e piccole imprese agroalimentari in difficoltà. Il modello è già attivo ad Alessandria, Afragola, Catanzaro, Perugia e Milano: aziende, Comuni e associazioni no profit danno vita a una rete per la raccolta e la distribuzione di alimenti e prodotti per l’igiene personale, la casa e l’infanzia da destinare a persone a rischio di esclusione sociale. Dalla nascita del progetto sono state consegnate oltre 30,5 tonnellate di cibo, di cui il 55% vendute e il 45% donate attraverso la piattaforma blockchain Regusto che gestisce in modo trasparente i flussi di donazioni.

L’iniziativa è stata ideata e promossa dal Comitato Lab00 Onlus, fondato da Francesco Lasaponara e presieduto dall’attore Davide Devenuto che ha sostenuto il progetto con la compagna Serena Rossi.

Il progetto ha anche il sostegno di due aziende: la digital energy company Sorgenia, in qualità di main partner, ha coinvolto 14.000 persone fra dipendenti e clienti per trasformare l’energia utilizzata in cibo, donando l’equivalente di quanto spenderebbe in energia una città di 35.000 abitanti; Henkel, in qualità di sponsor, si è impegnata a far crescere la visibilità e la notorietà di questo importante progetto nei punti di vendita della grande distribuzione.

Print Friendly, PDF & Email