informareonline bufale coordinamentounitariodelpatrimoniobufalino

Le inutili stragi di bufale. In 7 mesi uccisi 13mila animali

Redazione Informare 09/08/2022
Updated 2022/08/09 at 12:55 PM
2 Minuti per la lettura

Il Coordinamento Unitario in Difesa del Patrimonio Bufalino continua la sua campagna di denunce contro un piano di eradicazione di brucellosi e tubercolosi della bufala campana, ritenuto non soltanto fallimentare ma dannoso e colpevole di uccisioni di animali, in parte attuate senza troppi fronzoli seppur alcuni animali risultavano sani ai test.

Da inizio anno sono stati abbattuti ben 13mila animali. Un numero considerevole, in media sono state uccise 58 bufale ogni giorno.

E per questo, il Coordinamento esprime la sua denuncia:« Dall’inizio dell’anno, in sette mesi, sono state già ammazzate 13.000 bufale continuando con il metodo fallimentare seguito in questi anni. De Luca, a che serve festeggiare per il vaccino a 11 animali? Non possiamo più tollerare quanto sta accadendo. Mentre la Regione si attarda in un ottuso e inspiegabile rifiuto di incontro, la crisi diventa ogni giorno più pericolosa e può esplodere. E’ sempre più urgente trovare una soluzione credibile avviando quel cambio di direzione operativo dalla politica delle inutili stragi che stanno aumentando la BRC e la TBC regalando come effetto grandi margini agli speculatori a quella della prevenzione che risolve i problemi di sicurezza sanitaria e rilancia le aziende tutelando gli animali. C’è poco da nominare un Commissario, c’è da cambiare il Piano e da proporne agli allevatori uno che funzioni».

Fra l’altro, recentemente si sono tenuti a Cancello ed Arnone i due giorni di “Festa della Mozzarella”. E’ stata questa un’occasione grazie alla quale le varie associazioni di tutela del patrimonio bufalino hanno potuto dialogare direttamente con i cittadini del territorio, i quali sono mostrati sensibili alle problematiche esposte dagli allevatori e le hanno condivise, firmando una petizione rivolta al presidente Mattarella che chiede di sostituire il gruppo di esperti che ha fallito nell’elaborazione dell’attuale piano di eradicazione.

Condividi questo Articolo
Lascia un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *