Emilio Sorvillo è un artista eclettico. I suoi contributi spaziano tra pittura e scultura. Le sue opere sono realizzate seguendo una tecnica mista, utilizzando materiali tradizionali quali legno o metalli e materiali innovativi quali plastica, grani di sabbia. Abbiamo intervistato Emilio, ponendogli alcune domande sul suo stile e personalità artistica.

Da dove nascono le opere di Emilio Sorvillo?
«Le mie opere nascono dall’incontro di razionalità ed astrazione; nella produzione artistica si ritrovano reinterpretati i temi del figurativo, dell’astratto geometrico e del simbolismo concettuale mediati dalla propria sensibilità».

Cosa, di un suo lavoro, mette meglio a fuoco la sua personalità artistica?
«La personalità artistica che si rileva ormai consolidata e nota in ogni opera si riassume nella scelta dei colori utilizzati, nella solo apparente semplicità compositiva minimalista delle stesse, nella continua innovazione costruttiva e tecnica utilizzata e nell’uso ormai assiduo di grani di sabbia, vetro e marmo per le superfici di finitura».

Quali messaggi è possibile leggervi?
«Le opere sono sempre significanti, anzi dotate di una pluralità di significati universali, ed in genere l’attribuzione del significato dell’opera è delegata agli osservatori medesimi».

I suoi colori esprimono anche stati d’animo?
«Ogni azione creativa è anche rappresentazione di uno stato d’animo, pertanto certamente lo stato d’animo influenza il colore di un’opera cosi come la sua conformazione fisica; nella lunga carriera artistica si distinguono periodi del “nero”, del “bianco”, dei colori “metallici” e dei colori “pastello”, e tali periodi non sono mai esauriti ma ricompaiono all’improvviso di tanto in tanto».

Una valutazione critica della sua Arte?
«Un’arte visiva frutto di visioni personali rese universali, minimalista sia nei colori monocromatici sia nelle forme e nei segni solo abbozzati, che lascia spazio all’interpretazione personale dell’osservatore cercando sempre di instaurare un dialogo tra oggetto e persona».

Dove troviamo le sue opere prossimamente?
«Le opere ormai sono di interesse degli addetti ai lavori, collezionisti, investitori, galleristi, critici e storici dell’arte, curatori e consulenti museali, pertanto si ritrovano in alcuni musei e gallerie d’arte in Italia ed in collezioni private di pregio. Quanto ai più prossimi appuntamenti espositivi, nel mese di Settembre 2018 un importante Premio Internazionale utilizzerà sculture realizzate appositamente per premiare le eccellenze della manifestazione. In ogni caso, il portale personale riporta ogni informazione per i followers emiliosorvillo.it».

di Emilio Pagliaro

Tratto da Informare n° 185 Settembre 2018